MOTORI
Spies e Stoner (con le famiglie) a caccia in Texas, il buen ritiro dei campioni ha altre passioni
Scritto il 2014-12-02 da Flavio Felsina su Infomotogp

Fonte: Buck Cherry via Facebook

Le moto sono una passione assoluta, a volte non vi si può rinunciare nemmneno dopo aver appeso il casco al chiodo. Colin Edwards e Casey Stoner ne sono la testimonianza, entrambi hanno dato l'addio alla carriera agonistica ma ancora sono in attività come tester uno con la Yamaha per portare avanti lo sviluppo delle gomme Michelin, l'altro come pilota di riferimento per la HRC sulle innovazioni.

Ma cosa fanno i campioni in vacanza? Se Rossi organizza gare di dirt track nel suo ranch e si iscrive al Rally di Monza, se Danilo Petrucci si diletterà guidando una Nascar al Motorshow di Bologna, se Yonny Hernandez sfiderà sui kart Juan Pablo Montoya e se Alex De Angelis si prende una vecchia Seat Ibiza da Rally sul carrello per andare a correre una gara di "storiche", gli iridati Ben Spies e Casey Stoner imbracciano il fucile e vanno a caccia.

La passione per la pesca non è sconosciuta per Casey Stoner che passa molte ore quando ne ha la possibilità con la canna da pesca in mano nella sua Australia. Stavolta, la foto che ci offre Facbook mostra Spies e Stoner con in braccio le loro doppiette dopo una battuta di caccia nel Texas con lo specialista e conduttore televisivo americano Buck Cherry che conduce una trasmissione  proprio sulla caccia e che di questa esperienza con i due motociclisti farà uno speciale.

Al fianco di Ben Spies c'è anche la neomoglie, Patricia, mentre con Casey c'è Adriana e la piccola Ally, che ormai non si perde nessuno dei passatempo di papà.

La questione di Guido Meda a SKY è una storia non nuova per il web. Già lo scorso anno, il popolare giornalista milanese era stato contattato da SKY appena dopo l'acquisto dei diritti della MotoGP.  All'epoca, era la fine del 2013, Meda, secondo quanto scrivemmo all'epoca , aveva avuto ben più di un abboccamento dalla tv di Mardock in Italia, ma preferì rimanere in Mediaset, azienda che comunque gli aveva garantito una ottima carriera e una prospettiva interessante: quella di rimanere al microfono come voce leader della SBK, oltre a un ruolo più dirigenziale nella redazione sportiva. Ma qualcosa sta cambiando. Già a Valencia uomini di SKY non nascondevano il fatto che Meda era nella fase conclusiva della trattativa con la redazione sportiva di SKY Sport, poi è comparso un pezzo più che sibillino addirittura di Nico Cereghini su Moto.it che potete leggere QUI. Cosa è successo dunque in questo anno. Facciamo una botta di conti, che con i soldi non si sbaglia mai. Se Mediaset è una TV commerciale, che basa i suoi introiti sulla pubblicità, SKY è ancora più focalizzata su questo punto. La TV satellitare non solo ha la pubblicità, ma richiede anche un abbonamento (oneroso o meno in base alle scelte dei pacchetti: cinema, sport, calcio, ecc) e visti i risultati a dir poco ridicoli mietuti dalla prima annata di motomondiale su SKY e Cielo, è chiaro che serviva un cambio nella cabina di commento. A farne le spese sarà, secondo quanto scrive Cereghini, Zoran Flicic, voce nuova per le moto, ma commentatore esperto di sport. Zoran non è entrato nel cuore degli appassionati quanto lo è Meda, ma questo era anche impossibile. Meda viene da anni di microfono con le moto, mentre per Flicic c'era da muoversi in un ambiente nuovo e ostile e da mettere d'accordo un team decisamente eterogeneo e dalle diverse competenze. Insieme a Zoran dietro i microfoni del mondiale di SKY hanno fatto pratica anche Irene Saderini e Rosario Triolo come rookies. Tra i tre, il giovane Triolo, forse era quello da sacrificare. Ma questa è una opinione personale. Insomma con una media al limite del milione di spettatori a gara per l'anno appena trascorso, c'era sicuramente poco da gioire, ma c'è chi sta peggio (in Spagna Movistar TV non ha nemmeno dichiarato gli ascolti, mentre l'inglese BT Sport ha fatto anche peggio). L'arrivo di Meda potrebbe essere la salvezza di SKY? A guardare i numeri generati dalla TV e il calo di vendite dei giornali specializzati insieme alla moria di ricerche sul web di argomenti legati alla MotoGP (le parole chiave più cercate sono "motogp in tv", "orari tv motogp" e "come vedere la motogp gratis"), no. Ma lo speriamo, davvero. Guido, se veramente firmerà l'ultimo contratto che dovrebbe avere sotto mano, potrebbe diventare vice direttore di SKY Sport con responsabilità anche sulla F1. Si tratta di una sfida professionale molto impegnativa, che Meda può sopportare benissimo. Ma cosa lascia Meda? Lascia Mediaset e fa bene. Secondo indiscrezioni di stampa, il gruppo dei Berlusconi potrebbe presto (nel 2015) passare di mano. Da ormai un paio di anni poi, anche in Mediaset si licenzia e tanto anche, quindi l'aria non è più quella di 5 anni fa. A conti fatti Guido fa la scelta giusta, ma se l'intenzione di SKY è anche e solo quella di fare abbonati, vista la situazione economica generale, beh questo è di certo un "all in" pericoloso.

Moto - Infomotogp

Adesso è ufficiale, il CEV sale di rango e dal 2015 assumerà nuove valenze: Campionato del Mondo Junior Moto3, Campionato Europeo Moto2 e Campionato Europeo Superbike. Il carattere internazionale del CEV, per piloti partecipanti e per circuiti nei quali si corre anche al di fuori della Spagna, ha portato la FIM a decidere per il salto di qualità di questo campionato cosi come, in accordo con la FIM Europa, si elevano a valenza di campionati europei le classi Moto2 e Superbike. Di seguito il calendario per il 2015:  26 aprile all'Autodromo Internacional do Algarve - Portimão 17 maggio Le Mans (Moto3 ™) 21 Giugno Circuito di Catalogna 5 luglio Motorland Aragon 6 settembre Circuito de Albacete 4 ottobre Circuito de Navarra 1 novembre Circuito de Jerez 15 novembre Comunitat Valenciana - Ricardo Tormo

Moto - Infomotogp

Questa terza parte de I Padroni delle Corse (Parte 1, Parte 2) affronterà le complesse ramificazioni di interessi nel mondo delle corse della Dorna. La società spagnola che organizza la MotoGP, infatti, non si limita a questo campionato, ma di fatto controlla, ogni anno in maniera crescente, le competizioni su pista di alto livello a livello globale. Come abbiamo avuto modo di vedere nella prima parte della nostra inchiesta, la Dorna dal 2012, attraverso l'acquisizione da parte della controllante Bridgepoint della Infront, gestisce anche il campionato del mondo Superbike. In un colpo solo, dunque, la società guidata da Carmelo Ezpeleta si è ritrovata a non avere più alcun tipo di concorrente, trovandosi in tasca anche il secondo mondiale di moto, quello riservato alle derivate di serie. Per Bridgepoint, comunque, non si è trattato di un acquisto indolore. L'operazione, come riportava Repubblica.it all'epoca, costò ben 600 milioni di euro. Naturalmente con l'operazione Infront, Bridgepoint non comprò solo la Superbike, ma anche i diritti di alcuni tra i più importanti eventi calcistici internazionali. Si tratta di una torta considerevole anche se come abbiamo visto nel 2013, a fronte dei 600 milioni spesi siano tornati al fondo inglese solo 238 milioni, come scritto sullo stesso bilancio pubblicato sul sito Bridgepoint. Per Dorna, comunque, l'arrivo nel portafoglio di Infront e di Superbike è solo un altro tassello nella conquista del controllo delle più importanti manifestazioni motociclistiche. Precedentemente, infatti, la società spagnola, aveva già messo le mani sul campionato inglese Superbike (la BSB) tramite la sua filiale Dorna UK e precedentemente aveva preso il controllo del CEV, il campionato spagnolo velocità, che ha valore di campionato europeo dalla scorsa stagione. Proprio il CEV sta facendo parlare di se in questi mesi, grazie e soprattutto a due aspetti: la visibilità che da a chi ci corre e la famigerata "legge Quartararo". Il primo aspetto riguarda la convenienza di correre nel CEV rispetto ad altri campionati. Noi di Infomotogp.com ne avevamo già parlato confrontando i costi del campionato spagnolo a quelli del CIV (leggi QUI), poi c'è il fatto visibiltà per squadre e piloti che godono in Spagna di copertura televisiva nazionale su emittenti di primo piano e internazionale con SKY in Italia (che segue anche il CIV). Il secondo aspetto riguarda la norma detta "legge Quartararo" istituita dalla FIM ad hoc per il pilota francese Fabio Quartararo che vincerà per la seconda volta il CEV in questa stagione. Con la nuova norma il pilota del CEV che vinca il titolo, potrà correre nel mondiale anche se non ha raqggiunto l'età minima di 16 anni prevista dal regolamento. Grazie a questo escamotage, Quartararo potrà correre dalla prima gara il mondiale 2015 della Moto3 in Qatar il 29 marzo, senza dover aspettare di compiere gli anni il 20 aprile. L'enorme peso del CEV in Europa è palese, al punto da far perdere interesse ad altre Federazioni di organizzare un proprio campionato. In Francia si organizzano campionati per i giovanissimi, ma non una vera e propria serie nazionale, niente in Portogallo, poi c'è la FMI con il CIV che è una mosca bianca fuori dall'egida Dorna, ma con un livello decisamente più basso rispetto al CEV. Ma non basta. La Dorna sembra voler espandere sempre di più la sua influenza sia a livello europeo che globale. E' recente, del 22 agosto, la notizia dell'introduzione della Moto3 nel campionato tedesco velocità, l'IDM. Si tratta di una apertura interessata da parte degli organizzatori tedeschi verso una nuova categoria che deve essere secondo il presidente dell'ADAC (la federazione tedesca) Hermann Tomczyk un prolungamento del monomarca KTM che è stato introdotto quest'anno. Sarà un caso che la casa austriaca sia presente da anni nel paddock della MotoGP, prima come squadra in 125 e 250, poi nella Moto3 (dove vince da subito e dove è ancora leader con Jack Miller), oltre che con il trofeo RedBull Rookies Cup che schiera ancora delle KTM affidate alle promesse mondiali del motociclismo. Non solo la KTM è tra quelle case che entrerà nella classe regina nel 2017, secondo una lettera di intenti spedita da Mattinghofen alla Dorna solo pochi giorni fa. Le bandierine della Dorna, sono però, anche più lontane del vecchio continente. Lo scorso anno, infatti, è stato istituito lo Shell Advance Asia Talent Cup. Si tratta di un monomarca con delle Honda Moto3 che mette in pista i talenti del sud est asiatico (Malesia, Thailandia e Giappone). Una trovata geniale per cercare di affezionare alla Moto3, attraverso il premio finale di un posto nel mondiale, milioni di ragazzi fino ad oggi venuti su con le corse degli scooter. L'asia, poi, è il mercato di riferimento di tutti i costruttori che vendono volumi enormi di due ruote proprio in quelle zone. Dopo l'Asia, c'è il nuovo continente. Per creare una base unica che porti linfa (piloti, squadre e sponsor) verso la Superbike e la MotoGP, serviva un organizzatore amico. L'occasione è arrivata grazie all'ex iridato della 500 Wayne Rayney che con la sua KRAVE è riuscita a scalzare la DMG dall'organizzazione dell'AMA Superbike. La KRAVE, che ha ricevuto da subito la benedizione della Dorna, cambierà le corse negli Stati Uniti a partire dal nome che diventerà Moto America (simile a MotoGP? No...). L'interessamento di Dorna verso questa operazione non è stato mai celato, tanto Rayney e Ezpeleta hanno parlato a lungo e in pubblico di questo più volte, tanto che anche l'autorevole sito americano Cycle News cita gli interessi della società spagnola nel cambio di rotta delle corse USA. In tutta questa attività di influenza si potrebbe pensare che la Dorna abbia una forte influenza su tutte le competizioni di moto su pista di alto livello nel mondo. Ma, a tal proposito solo una sentenza dell'Antitrust Europeo è stata rilasciata. Lo ricorda il sito Superbikeplanet.com in un suo pezzo dell'8 ottobre 2012 (a pochi mesi dall'acquisizione di Infront da parte di Bridgepoint), dove cita le motivazioni del non intervento in "ci sono limitate sovrapposizioni tra le attività delle parti e al fatto che le fonti alternative di approvvigionamento sufficienti continueranno ad essere a disposizione dei clienti della nuova entità in tutti i mercati interessati." Forse, alla luce dei nuovi accordi e delle nuove influenze che Dorna ha nei vari campionati sparsi nel mondo, sarebbe gradito un nuovo parere, cosa che per ora non sembra nelle priorità dell'ente europeo.  

Moto - Infomotogp

INFOMOTOGP
MOTORI

Questo blog non è ufficiale e non è associato in alcun modo con il sito ufficiale www.motogp.com e con Dorna SA. MotoGP, Moto2 e Moto3 sono marchi registrati da Dorna SA. This blog is unofficial and is not associated in any way with the official web site www.motogp.com and Dorna SA. MotoGP, Moto2 and Moto3 are registered trade marks of Dorna SA .


Questa opera è pubblicata nel rispetto delle licenze Creative Commons.

© 2019 Nanalab S.r.l.. Tutti i diritti riservati.

P.IVA 09996640018