MOTORI
IM3: Migno nel VR46, Pablo Nieto nuovo Team Manager
Scritto il 2014-10-06 da Flavio Felsina su Infomoto3

Come anticipato da Infomotogp lo Sky Racing Team VR46 ha oggi confermato con un comunicato l'arrivo di Andrea Migno accanto a Fenati nel 2015.

La vera novità è però l'arrivo di Pablo Nieto nella squadra di SKY e di Rossi. L'ex pilota spagnolo, attualmente al Calvo Team e figlio del pluricampione mondiale Angel Nieto, sarà il nuovo Team Manager che guiderà Romano Fenati e Andrea Migno a partire dalla prossima stagione. Soltanto un anno fa, Pablo ha portato alla vittoria del Mondiale di Moto3 Maverick  Viñales, attualmente impegnato in Moto2 e l'anno prossimo già in MotoGP con Suzuki.

La famiglia Nieto è da sempre al fianco di Valentino Rossi, la scelta di Pablo, dunque, rafforza il peso della VR46 nella gestione della squadra, proseguendo in un processo iniziato con l'allontanamento di Vittoriano Guareschi.

La questione di Guido Meda a SKY è una storia non nuova per il web. Già lo scorso anno, il popolare giornalista milanese era stato contattato da SKY appena dopo l'acquisto dei diritti della MotoGP.  All'epoca, era la fine del 2013, Meda, secondo quanto scrivemmo all'epoca , aveva avuto ben più di un abboccamento dalla tv di Mardock in Italia, ma preferì rimanere in Mediaset, azienda che comunque gli aveva garantito una ottima carriera e una prospettiva interessante: quella di rimanere al microfono come voce leader della SBK, oltre a un ruolo più dirigenziale nella redazione sportiva. Ma qualcosa sta cambiando. Già a Valencia uomini di SKY non nascondevano il fatto che Meda era nella fase conclusiva della trattativa con la redazione sportiva di SKY Sport, poi è comparso un pezzo più che sibillino addirittura di Nico Cereghini su Moto.it che potete leggere QUI. Cosa è successo dunque in questo anno. Facciamo una botta di conti, che con i soldi non si sbaglia mai. Se Mediaset è una TV commerciale, che basa i suoi introiti sulla pubblicità, SKY è ancora più focalizzata su questo punto. La TV satellitare non solo ha la pubblicità, ma richiede anche un abbonamento (oneroso o meno in base alle scelte dei pacchetti: cinema, sport, calcio, ecc) e visti i risultati a dir poco ridicoli mietuti dalla prima annata di motomondiale su SKY e Cielo, è chiaro che serviva un cambio nella cabina di commento. A farne le spese sarà, secondo quanto scrive Cereghini, Zoran Flicic, voce nuova per le moto, ma commentatore esperto di sport. Zoran non è entrato nel cuore degli appassionati quanto lo è Meda, ma questo era anche impossibile. Meda viene da anni di microfono con le moto, mentre per Flicic c'era da muoversi in un ambiente nuovo e ostile e da mettere d'accordo un team decisamente eterogeneo e dalle diverse competenze. Insieme a Zoran dietro i microfoni del mondiale di SKY hanno fatto pratica anche Irene Saderini e Rosario Triolo come rookies. Tra i tre, il giovane Triolo, forse era quello da sacrificare. Ma questa è una opinione personale. Insomma con una media al limite del milione di spettatori a gara per l'anno appena trascorso, c'era sicuramente poco da gioire, ma c'è chi sta peggio (in Spagna Movistar TV non ha nemmeno dichiarato gli ascolti, mentre l'inglese BT Sport ha fatto anche peggio). L'arrivo di Meda potrebbe essere la salvezza di SKY? A guardare i numeri generati dalla TV e il calo di vendite dei giornali specializzati insieme alla moria di ricerche sul web di argomenti legati alla MotoGP (le parole chiave più cercate sono "motogp in tv", "orari tv motogp" e "come vedere la motogp gratis"), no. Ma lo speriamo, davvero. Guido, se veramente firmerà l'ultimo contratto che dovrebbe avere sotto mano, potrebbe diventare vice direttore di SKY Sport con responsabilità anche sulla F1. Si tratta di una sfida professionale molto impegnativa, che Meda può sopportare benissimo. Ma cosa lascia Meda? Lascia Mediaset e fa bene. Secondo indiscrezioni di stampa, il gruppo dei Berlusconi potrebbe presto (nel 2015) passare di mano. Da ormai un paio di anni poi, anche in Mediaset si licenzia e tanto anche, quindi l'aria non è più quella di 5 anni fa. A conti fatti Guido fa la scelta giusta, ma se l'intenzione di SKY è anche e solo quella di fare abbonati, vista la situazione economica generale, beh questo è di certo un "all in" pericoloso.

Moto - Infomotogp

Il pilota del Team SKY VR46, afferma SKY Sport, si è rotto la clavicola mentre si allenava in un circuito nei pressi di Ascoli Piceno. Il pilota marchigiano a seguito dell'infortunio non potrà prendere parte al Rally di Monza nel quale Fenati avrebbe dovuto partecipare per la prima volta. Nel servizio video di SKY Sport che annuncia l'infortunio di Fenati, ci sono delle cose che non tornano e che noi abbiamo riportato pedissequamente. In particolare non si capisce quale delle clavicole si sia rotto Romano (destra o sinistra) e non si capisce quale sia il circuito vicino ad Ascoli Piceno sul quale il pilota della Moto3 si stava allenando.  

Moto - Infomotogp

Grandissimo Romano Fenati (KTM) nella gara della Moto3 ad Aragòn. Il pilota italiano che scattava dalla quinta fila dello schieramento della classe cadetta del mondiale con il 13° tempo è riuscito a risalire il gruppo degli inseguitori battagliando a lungo con il leader della corsa Alex Marquez (Honda), prendendosi la quarta vittoria della stagione. Fenati, infatti, era andato a segno a Rio Hondo, Jerez e Mugello . Lo spagnolo, che si è reso protagonista nelle battute iniziali della gara di un contatto ai danni di Jack Miller (KTM) che è costato una caduta all'australiano, verrà sentito dalla Direzione gara, insieme al collega, dopo la gara della MotoGP per chiarirne le dinamiche. Con Miller fuori dalla corsa e costretto a tornare ai box per riparare le sua KTM (ha poi terminato 27°e ultimo), Marquez credeva di essere solo al comando con solo Danny Kent (Husqvarna) da gestire. Invece, Romano Fenati è riuscito nell'impresa di riprendere il leader della corsa innescando con lui un confronto con il quale ha capito dove passare per vincere la corsa. "Ho fatto una buona gara, avevo un buon feeling con la mia moto - ha detto Fenati - è stata dura qui ad Aragon contro un pilota spagnolo, ma sono molto soddisfatto della mia gara". Bene in gara anche Enea Bastianini (KTM), che ha passato la bandiera a scacchi in sesta posizione, mentre Niccolò Antonelli (KTM) ha chiuso nono. Con il secondo posto di oggi, Alex Marquez è il nuovo leader della classifica iridata con 206 punti, mentre Miller è secondo con 195 punti. Fenati con la sua vittoria si avvicina ed è ora quarto a 165 punti alle spalle di Alex Rins, terzo.

Moto - Infomotogp

Questo blog non è ufficiale e non è associato in alcun modo con il sito ufficiale www.motogp.com e con Dorna SA. MotoGP, Moto2 e Moto3 sono marchi registrati da Dorna SA. This blog is unofficial and is not associated in any way with the official web site www.motogp.com and Dorna SA. MotoGP, Moto2 and Moto3 are registered trade marks of Dorna SA .


Questa opera è pubblicata nel rispetto delle licenze Creative Commons.

© 2018 Nanalab S.r.l.. Tutti i diritti riservati.

P.IVA 09996640018