MOTORI
IM2/3: Prove ad Aragon
Scritto il 2014-05-08 da Roberto Pagnanini su Infomoto2

Fonte: archivio infomotogp

Giusto per non farsi mancare nulla, di ritorno dall'Argentina, passando per il Gp di Jerez de la Frontera e prima di andare a Le Mans, qualche squadra ha pensato bene di fermarsi ad Aragon per una sessione di test su due giorni.

Cosi in pista sono finiti Salom e Vinales per il Team Pons, oltre che  Alex Pons e Jonas Folger, il malesiano Hafizh Syahrin, il nostro Franco Morbidelli con il compagno di squadra Julian Simon, Azlan Shah e Takaaki Nakagami; nella Moto3 invece, prosegue il lavoro di sviluppo e messa a punto della nuova Honda 250/4t ed anche Alex Rins e Alex Marquez sono stati chiamati ad Aragon per provare, cosi come Bryan Schouten ed Alessandro Tonucci in sella alle Mahindra del Team CIP.

Presenti anche alcuni piloti del CEV come Federico Fuligni con il Team Ciatti che, per l'occasione ha portato in pista anche Francesco Cocco, Mirko Giansanti con il GRT Racing Team.

Articoli Correlati
Se state pensando di comprare una barca, avete già fatto due conti su quanto costa mantenerla? Purtroppo a causa della superficialità di chi decide di affrontare la spesa iniziale senza approfondire quali sono le spese da sostenere nel corso degli anni, molte imbarcazioni sono destinate in breve tempo ad essere abbandonate. Andiamo quindi ad analizzare passo dopo passo le voci principali da considerare concretamente prima di passare alla fase dell’acquisto. Costo annuale di ormeggio/stazionamento. Si tratta di una spesa che, nel caso di una barca di circa 7-8 metri, si aggira intorno ai 2-3 mila euro. Costo che lievita fino ai 6-7 mila euro o anche di più per una barca che raggiunge i 10-11 metri. In alternativa è possibile ormeggiarla al gavitello o in un piccolo porto privo di alcuni servizi o ancora presso un circolo nautico/posto barca di proprietà dove, una volta pagata la spesa iniziale si beneficia di un canone annuale di poche centinaia di euro annui. Costi di alaggio/varo/antivegetativa. Ogni imbarcazione, ogni 1-2 anni ha bisogno di essere alata presso un cantiere per effettuare la pulizia dello scafo, grattare la vecchia antivegetativa, ridare l'eventuale fondo (primer) e dare altre 2-3 mani di nuova antivegetativa. Il costo per una barca di 8-10 metri per esempio si aggira intorno agli 800-1000 euro nei cantieri più economici. Ci sono poi le spese per: la manutenzione e tagliandi del motore, i costi di assicurazione, la tassa di stazionamento, i costi di manutenzione ordinaria, quelli di manutenzione straordinaria e naturalmente non possono mancare gli eventuali sfizi, "giocattoli", e migliorie che un qualsiasi appassionato e amante della sua barca non può dimenticare.

Nautica - Comunicablog

Per combattere la crisi economica il comune di Santa Margherita Ligure ha pensato bene di abbattere i prezzi e introdurre nuove tariffe per gli ormeggi nel suo porto: le nuove tariffe sono giornaliere o semestrali o di nove mesi o annuali, ma anche invernali. Chi giunge a Santa Margherita Ligure via mare può ormeggiare presso il molo foraneo del Porto, dove il servizio di accoglienza garantisce l'assistenza all'ormeggio e al disormeggio, un servizio di sorveglianza diurna dalle ore 08:00 alle ore 20:00, la predisposizione per la raccolta dei rifiuti e naturalmente la fornitura di energia elettrica e di acqua potabile. Qui è possibile ormeggiare in transito fino ad un massimo di 5 giorni nel periodo estivo, dal 1 giugno al 31 agosto e di 7 giorni per il restante periodo dell'anno, mentre nel periodo invernale ci sono molte agevolazioni economiche per ormeggiare nel periodo dal 1 novembre al 31 marzo, pagando il 35% dell'abbonamento annuale). Dopo aver effettuato la prenotazione, il richiedente deve presentarsi al Servizio di accoglienza con i documenti di navigazione, per effettuare la registrazione e il pagamento anticipato. Con l'entrata in vigore delle nuove tariffe portuali non si pagherà più il costo di 2500 euro all'anno, ma il parcheggio in area portuale diventerà gratuito per l'auto di chi sottoscrive un contratto annuale. Le nuove tariffe sono una risposta alla maggior flessibilità contrattuale ripetutamente richiesta negli anni dai fruitori della marina ligure, per continuare a coltivare la sua vocazione turistica venendo incontro alle tasche dei diportisti.

Nautica - Comunicablog

Arrivano buone notizie per chi da tempo auspicava la riforma del Codice della Nautica. Qualche giorno fa infatti Ucina Confidustria Nautica ha reso noto che dopo la Camera, anche il Senato ha approvato la Legge Delega pronta ad attuare una serie di aggiornamenti e modifiche al Codice della Nautica, un passo importante verso quella che potrebbe essere una nuova stagione per la nautica da diporto italiana. Dopo che le Camere del Parlamento hanno approvato definitivamente la Legge Delega, adesso spetta al Governo il compito di emanare uno o più decreti legislativi che rendano concrete le modifiche. La riforma, come sottolinea Ucina Confindustria Nautica, dovrà rendere più semplice il regime amministrativo e la navigazione delle unità da diporto, incluse quelle che svolgono attività commerciali, e le attività di controllo, aspetto sul quale si chiede di intervenire per sfoltire le eccessive sovrapposizioni fra sette diversi corpi di polizia, oltre ad aggiornare le normative di sicurezza per chi naviga. Il rilancio del mercato passa attraverso la semplificazione degli adempimenti a carico dei diportisti, la normazione dell’attività di locazione dei natanti oggi composta dalle numerose ordinanze locali e la maggior attenzione nella verifiche delle procedure di Port State Control che penalizzano l’incoming estero. Nelle misure della riforma del Codice della Nautica saranno previste anche sanzioni più pesanti per la guida pericolosa in stato di ubriachezza, sotto effetto di stupefacenti o nell’aree riservate alla balneazione. Inoltre i porti turistici dovranno essere dotati di accessi per i disabili, i campi di ormeggio attrezzati nelle zone di riserva, mentre saranno imposte sanzioni per chi causa danni ambientali.  

Nautica - Comunicablog

Questo blog non è ufficiale e non è associato in alcun modo con il sito ufficiale www.motogp.com e con Dorna SA. MotoGP, Moto2 e Moto3 sono marchi registrati da Dorna SA. This blog is unofficial and is not associated in any way with the official web site www.motogp.com and Dorna SA. MotoGP, Moto2 and Moto3 are registered trade marks of Dorna SA .


Questa opera è pubblicata nel rispetto delle licenze Creative Commons.

© 2019 Nanalab S.r.l.. Tutti i diritti riservati.

P.IVA 09996640018