MOTORI
IMGP: Albesiano al posto di Dall'Igna in Aprilia
Scritto il 2013-10-10 da Flavio Felsina su Infomotogp

Fonte: www.motoguzzi.it

Sarà Romano Albesiano a prendere il posto di Gigi Dall'Igna, lo anticipa il sito amico Misterhelmet.com QUI.

Albesiano, nato professionalmente in Cagiva come project leader della 500GP dal 1989 al 1994 attalmente Capo dello Sviluppo Prodotto Moto di Noale dal 2005, ossia quello che decide in merito a Moto Guzzi, Aprilia e Derbi.
Precedenti esperienze di Albesiano riguardano MV Agusta (2002-2005) come Capo dello Sviluppo Prodotto e Racing del marchio Husqvarna e prima ancora impiegato come capoprogetto dello sviluppo Aerodinamico presso Fondmetal dove avrebbe lavorato per la AMG Mercedes nel DTM.
Insomma, il Gruppo Piaggio aveva in panchina qualcuno e non è andato troppo lontano per cercare un sostituto di Dall'Igna, che nel frattempo ha già avvertito i ragazzi del reparto corse di Noale di andare via a fine anno.
In Ducati, però non hanno fretta di annunciare il nuovo direttore tecnico del progetto MotoGP. A domanda diretta, in Malesia, Julian Thomas, che si occupa della comunicazione di Ducati Corse, ha risposto riguardo all'ufficializzazione: "Non ancora, no comment". 
Se da Borgo Panigale si prende tempo, il mondiale della MotoGP continua inesorabile il suo cammino, in un momento cruciale, quello delle scelte per il prossimo anno per squadre e piloti. Proprio il questo versante si fanno sempre più insistenti le voci di un possibile ritorno in Ducati del Team Aspar, il quale però con una scelta del genere perderebbe Hayden per niente interessato a salire su una D16 da lui stesso definita su Motosprint in edicola, di terzo livello. 
Vero è che la Ducati ne avrebbe di materiale da piazzare. Sono molte le moto fatte e non approvate da più parti, dal team sviluppo a quello titolare, in questa stagione, quindi spazio alle vendite ce ne sarebbe.
Aspar però potrebbe aspettare una stagione, prendere le Honda production, aspettare che l'amico Dall'Igna riesca a fare ordine, per poi arrivare a Ducati. Vedremo cosa succederà.
Finalmente è arrivata. La nuova Ducati GP15 è stata presentata a Borgo Panigale con Guido Meda come accompagnatore nel suo debutto. La nuova moto è nuova davvero e colpisce soprattutto per le sue dimensioni. A vederla sembra più piccola e affilata delle D16 che hanno calcato fino a questo momento le piste. Questa è forse la firma di Luigi Dall'Igna, che firma in todo il nuovo progetto. "Si tratta di una moto molto compatta - ha detto il pilota Ducati Andrea Iannone - anche io non me l'aspettavo così piccola". Molto colpito anche Andrea Dovizioso.  "Nonostante abbia elementi in comune con la GP14.3 - ha detto l'altro pilota ufficiale Andrea Dovizioso - è tutta nuova. Bella fuori e soprattutto dentro, non vedo l'ora di provarla". Ma l'unico per ora ad aver guidato la nuova moto di Borgo Panigale è stato il collaudatore Michele Pirro. "Rispetto a tutte le altre Ducati - ha detto Pirro - è completamente diversa. Dopo tanti anni di sacrificio con i ragazzi del Test Team, con i quali abbiamo lavorato tanto, questa è davvero emozionante. Sono molto fiducioso su questo progetto e credo che gli obiettivi che ha dato Dall'Igna sono raggiungibili". In un mondo dominato da un pilota (e da una casa) che si è permesso di vincere 13 delle 18 gare in calendario nel 2014, non si può troppo alzare la cresta e per questo Gigi Dall'Igna rimane con i piedi per terra. "Ci poniamo per il 2015 un obiettivo altamente sfidante, vogliamo almeno una vittoria - Lo scorso anno siamo arrivati al nostro obiettivo che era quello di arrivare a 10 secondi dai migliori, quest'anno alziamo l'asticella. La nostra MotoGP avrà anche contenuti che saranno trapiantati alla produzione di serie". Analizzando la nuova moto, almeno dalle immagini, la nuova GP15 non ha molto in comune con le moto che l'hanno preceduta. Più piccola e visibilmente compatta, come hanno sottolineato i piloti, la nuova Ducati presenta una carena caratterizzata dai grandi sfoghi d'aria laterali e dal capolino ora più rastremato. Rimane la presa d'aria anteriore, ma cambia la formae la dimensione per assecondare l'airbox del nuovo motore 4 cilindri a v di 90° come nella tradizione Ducati. Il telaio, abbandonato da tempo il traliccio e gettato via per la MotoGP il concetto di motore portante (rimasto in SBK con la Panigale), è un doppio trave laterale in alluminio, mentre il forcellone è un elemento in carbonio completamente riprospettato. Diversa rispetto al passato anche la disposizione degli scarichi. Sotto al codino dal lato destro si vedono i due tubi dello scarico della bancata posteriore che si raccordano in un terminale singolo, mentre per i cilindri anteriori c'è uno scarico singolo sempre sulla destra della GP15. La nuova moto viene dalle esperienze fatte durante la scorsa stagione e nel test collettivo che si è tenuto a Sepang in Malesia nella prima settimana di febbraio. I due piloti ufficiali, in quella occasione si sono molto avvicinati alla testa della classifica, con Andrea Iannone, in particolare che è stato autore del secondo tempo a meno di 4 decimi dallo strabiliante tempo fatto segnare dal campione del mondo Marc Marquez con la Honda (1.58.8). Nel prossimo test che si svolgerà sempre a Sepang in Malesia a partire dal 23 al 25 febbraio prossimi, nel box Ducati ci sarà disponibile una GP15 a pilota. Andrea Dovizioso e Andrea Iannone proseguiranno lo sviluppo della nuova moto confrontandola con la versione precedente che comunque ha evidenziato una notevole competitività.

Moto - Infomotogp

Il nuovo anno da poco cominciato sarà ricco di interessanti novità per le due ruote Honda con l’arrivo di una serie di nuovi modelli. Il marchio motociclistico giapponese ha in parte annunciato alcune delle sue novità per il 2015 qualche settimana fa in occasione del Motor Bike Expo di Verona, evento espositivo dedicato agli appassionati di motociclismo. Proprio alla manifestazione veronese Honda ha presentato lo scooter Integra, oltre alla versione più prestazionale Integra 750S Sport, nuovi modelli affiancati da certezze della gamma nipponica come la Honda SH e il PCX. Chi invece è prestazioni decisamente più elevate può guardare alle novità Honda nel segmento sportive e naked dove il marchio del Sol Levante propone la CBR 1000RR Fireblade, anche nelle versioni SP e Repsol Replica #93, la CBR 650F, la CB 650F, la VFR 800F e l’aggressiva CB 1000R. La gamma CFR di Honda invece strizza l’occhio agli amanti delle due ruote da offroad per le avventure fuoristrada, tra queste troviamo la CRF 450Rally e la CRF 450R. Anche chi ha appena preso la patente troverà moto Honda conformi alle proprie esigenze in termini di limiti di potenza come la CBR 300R e la CBR 500R. Per quanto riguarda invece le due ruote tourer l’offerta di Honda si compone delle mitica Goldwing, affiancata dalla CTX 1300 e dalla Crosstourer Travel Edition dotata di cambio a doppia frizione DCT.

Moto - Comunicablog

INFOMOTOGP
MOTORI

Questo blog non è ufficiale e non è associato in alcun modo con il sito ufficiale www.motogp.com e con Dorna SA. MotoGP, Moto2 e Moto3 sono marchi registrati da Dorna SA. This blog is unofficial and is not associated in any way with the official web site www.motogp.com and Dorna SA. MotoGP, Moto2 and Moto3 are registered trade marks of Dorna SA .


Questa opera è pubblicata nel rispetto delle licenze Creative Commons.

© 2015 WeBoost MEDIA S.r.l.. Tutti i diritti riservati.

P.IVA 105 49 521 002