MOTORI
IMGP: Albesiano al posto di Dall'Igna in Aprilia
Scritto il 2013-10-10 da Flavio Felsina su Infomotogp

Fonte: www.motoguzzi.it

Sarà Romano Albesiano a prendere il posto di Gigi Dall'Igna, lo anticipa il sito amico Misterhelmet.com QUI.

Albesiano, nato professionalmente in Cagiva come project leader della 500GP dal 1989 al 1994 attalmente Capo dello Sviluppo Prodotto Moto di Noale dal 2005, ossia quello che decide in merito a Moto Guzzi, Aprilia e Derbi.
Precedenti esperienze di Albesiano riguardano MV Agusta (2002-2005) come Capo dello Sviluppo Prodotto e Racing del marchio Husqvarna e prima ancora impiegato come capoprogetto dello sviluppo Aerodinamico presso Fondmetal dove avrebbe lavorato per la AMG Mercedes nel DTM.
Insomma, il Gruppo Piaggio aveva in panchina qualcuno e non è andato troppo lontano per cercare un sostituto di Dall'Igna, che nel frattempo ha già avvertito i ragazzi del reparto corse di Noale di andare via a fine anno.
In Ducati, però non hanno fretta di annunciare il nuovo direttore tecnico del progetto MotoGP. A domanda diretta, in Malesia, Julian Thomas, che si occupa della comunicazione di Ducati Corse, ha risposto riguardo all'ufficializzazione: "Non ancora, no comment". 
Se da Borgo Panigale si prende tempo, il mondiale della MotoGP continua inesorabile il suo cammino, in un momento cruciale, quello delle scelte per il prossimo anno per squadre e piloti. Proprio il questo versante si fanno sempre più insistenti le voci di un possibile ritorno in Ducati del Team Aspar, il quale però con una scelta del genere perderebbe Hayden per niente interessato a salire su una D16 da lui stesso definita su Motosprint in edicola, di terzo livello. 
Vero è che la Ducati ne avrebbe di materiale da piazzare. Sono molte le moto fatte e non approvate da più parti, dal team sviluppo a quello titolare, in questa stagione, quindi spazio alle vendite ce ne sarebbe.
Aspar però potrebbe aspettare una stagione, prendere le Honda production, aspettare che l'amico Dall'Igna riesca a fare ordine, per poi arrivare a Ducati. Vedremo cosa succederà.
Tre giorni di gran lavoro per piloti e team hanno segnato la seconda uscita in pista del progetto MotoGP di Aprilia. Dopo i test di Valencia di due settimane fa, Alvaro Bautista e Marco Melandri sono tornati in sella alle Aprilia MotoGP nel quadro della preparazione alla stagione 2015. Anche questa volta il meteo ha purtroppo condizionato lo svolgimento del programma di prove, specialmente nell'ultima giornata di giovedì, con continui scrosci e pista costantemente bagnata. Nonostante tutto il risultato di questa tre giorni parla di una Aprilia "nata bene", una qualità fondamentale per proseguire con costanza il programma di sviluppo. A Jerez i piloti Aprilia hanno potuto prendere confidenza per la prima volta col nuovo propulsore V4 caratterizzato dalla distribuzione a valvole pneumatiche. Il motore, che garantirà livelli più elevati di potenza rispetto alla prima versione con valvole tradizionali, ha esordito nella giornata di mercoledì, visto che il martedì ci si era concentrati sul lavoro di messa a punto di elettronica e set-up con la vecchia versione di distribuzione. 131 i giri messi a referto nella 'tre giorni' da Alvaro Bautista, con un miglior crono di 1'40.6. "Possiamo essere soddisfatti di com'è andata - ha detto Alvaro Bautista - anche se il maltempo ha rallentato il nostro lavoro. Durante la prima giornata ho continuato ad utilizzare la moto nella stessa configurazione dei recenti test di Valencia. Ci siamo concentrati sulla ciclistica, trovando alcune soluzioni che mi sono piaciute e ci hanno consentito di conoscere più a fondo la moto. Nella seconda giornata ho potuto utilizzare il nuovo motore a valvole pneumatiche: la potenza è tanta ma c'è molto lavoro da fare sul fronte dell'erogazione. Oggi abbiamo percorso pochi giri sul bagnato, che ci sono comunque serviti per valutare le caratteristiche del nuovo motore in queste condizioni. Adesso inizia la pausa invernale, staccherò un po' per riprendermi da questa lunga stagione, dopodiché tornerò ad allenarmi per farmi trovare pronto ai test di febbraio. Nel frattempo farò sicuramente visita all'Aprilia per vedere da vicino il grande lavoro che i tecnici stanno facendo sulla moto". Bene anche Melandri che ha inanellato 123 giri, il migliore dei quali in 1'41.5.  "Sono stati tre giorni interessanti - ha detto Marco Melandri - ma molto impegnativi allo stesso tempo. Giro dopo giro capisco sempre più quali siano le aree dove devo migliorare e le necessità per sentirmi a mio agio. Mi sento ancora piuttosto impacciato, abbiamo bisogno di chilometri per trovare il giusto feeling. Il motore nuovo ha avuto qualche problema di gioventù, una cosa normale in questa fase, ma abbiamo già visto quali siano i lati positivi e dove invece dovremo concentrarci di più. Abbiamo davanti un lungo periodo nel quale lavorare allo sviluppo per arrivare pronti ai test di Sepang. Tutti i ragazzi stanno lavorando sodo e c'è un grande entusiasmo di squadra. E' un clima che mi fa ben sperare". Il percorso di crescita è lungo ma le indicazioni che sono emerse anche dalle prove sulla pista andalusa lasciano soddisfazione e sensazioni positive in tutto il team Aprilia in vista della pausa invernale. I test riprenderanno dal 4 di febbraio con la sessione ufficiale in Malesia, sulla pista di Sepang.

Moto - Infomotogp

La prossima sarà l'ultima settimana di lavoro in pista per alcuni piloti e squadre della MotoGP. Prima del "ban period", ovvero del periodo di fermo assoluto per le moto e i piloti del mondiale che va da dicembre alla fine di gennaio, tra Jerez de la Frontera in Spagna e Sepang in Malesia.Dall'altra parte del mondo ci sarà solo Jack Miller, con la Honda Open del Team LCR. L'australiano si avvantaggerà rispetto ai test che ci saranno a inizio febbraio in Malesia. Miller che viene dalla Moto3 ha bisogno di girare per prendere tutti gli automatismi che la classe regina obbliga ad avere. I test di Miller saranno dal 26 al 28 novembre.In Spagna ci sarà un bel po' di rumore con i piloti ufficiali di Aprilia (Melandri e Bautista) e di Suzuki (Vinales e Aleix Espargarò) che avranno il compito di sgrossare il lavoro sulle loro moto in vista dei test di febbraio, dove si inizierà a fare sul serio. A Jerez ci saranno anche Stefan Bradl e Loris Baz con le Forward Yamaha (i due dovranno fare chilometri per sviluppare le sostensioni Kayaba), oltre ai piloti Ducati ufficiali Andrea Dovizioso, Andrea Iannone che divideranno a loro volta la pista con i colleghi Mike di Meglio e Hector Barbera con le Ducati Avintia.Dopo questa ultima settimana di test, i motori rimarranno muti fino ai primi test Irta della prossima stagione che si svolgeranno nella prima settimana di febbraio 2015.

Moto - Infomotogp

INFOMOTOGP
MOTORI

Questo blog non è ufficiale e non è associato in alcun modo con il sito ufficiale www.motogp.com e con Dorna SA. MotoGP, Moto2 e Moto3 sono marchi registrati da Dorna SA. This blog is unofficial and is not associated in any way with the official web site www.motogp.com and Dorna SA. MotoGP, Moto2 and Moto3 are registered trade marks of Dorna SA .


Questa opera è pubblicata nel rispetto delle licenze Creative Commons.

© 2014 WeBoost MEDIA S.r.l.. Tutti i diritti riservati.

P.IVA 105 49 521 002