MOTORI
IMGP: Stoner pronto per l'avventura a 4 ruote
Scritto il 2013-02-27 da Flavio Felsina su Infomotogp

Fonte: Red Bull Mobile AUS Team

Casey Stoner è pronto per buttarsi nella mischia del campionato V8 australiano. L'ex iridato della MGP che si è ritirato dal mondiale al termine della scorsa stagione, sarà al volante di una Vauxhall Commodore del Team Red Bull Mobile.

"Non vedo l'ora - ha detto Stoner alla presentazione della squadra in Australia - è eccitante poter avere finalmente la possibilità di essere in un weekend di gara dopo averci pensato così tanto. Penso che sarà fantastico e sono molto impaziente. Tutto è andato abbastanza liscio fino ad ora, ma fino a quando saremo in pista c'è ancora così tanto che possiamo fare. Ma la squadra è stata grande e mi ha assolutamente aiutato in ogni modo possibile e sono molto eccitato".

Mentre Stoner si prepara per la sua nuova avventura, i suoi ex compagni della MotoGP si stanno dando battaglia nei test di Sepang, dominati lo scorso anno proprio dal talento australiano con la Honda ufficiale.

Il weekend di Sepang, dove domenica la MotoGp disputerà il penultimo gran premio della stagione, si preannuncia particolarmente intenso; il ricordo di Marco Simoncelli, che perse la vita nel circuito malese il 23 Ottobre del 2011, non si è mai affievolito, la sfida tra Valentino Rossi e Jorge Lorenzo per il titolo diventa sempre più decisiva e le già luciferine condizioni climatiche (afa e tanta umidità) sono in questi giorni ai limiti del'intollerabile a causa di una mostruosa nube tossica creata dalla combustione delle piantagioni di palme da olio nella vicina Indonesia. Kuala Lumpur è oppressa da una feroce foschia accompagnata da un inquinamento di ben sei volte superiore rispetto al già preoccupante standard, e se il vento non dovesse a spazzare via le particelle tossiche prima di domani, per i piloti in pista sarà davvero durissima ed attualmente il gran premio è a rischio. In tutto ciò questo fine settimana Valentino, spesso assistito dalle stelle (e ovviamente dal talento) in molti dei suoi indimenticabili trionfi, sembra avere in Malesia un appuntamento con il destino. Sepang, dove il Dottore ha vinto in sei diverse occasioni contro le zero vittorie del compagno rivale, evoca meravigliose memorie da una parte (come il trionfo e conquista del titolo nel 2008 ndr) e la triste scomparsa dell'amico Marco dall'altra. Prendersi il decimo mondiale in questa pista sarebbe l'impresa più bella, importante e significativa con cui omaggiare il "Sic". Per diventare campione però, Rossi, che con 329 gran premi all'attivo domenica diventerà il pilota con più gare disputate nella storia del motociclismo, dovrebbe guadagnare quindici punti su Jorge. Impresa improba ma non impossibile perche nel fine settimana sono previsti acquazzoni tropicali e perchè quando conta, come tutti i grandi fuoriclasse, the Doctor c'è!

Auto - Ontheroad

La salvaguardia del figliol prodigo Marquez prevarica anche ciò che sarebbe stato il più clamoroso ritorno alle corse nella storia della MotoGp per un operazione sportiva e mediatica d'impatto globale. Parliamo di Casey Stoner, che avrebbe espresso alla Honda la volontà di scendere in pista in Texas al posto di Pedrosa (fuori a tempo indeterminato per risolvere la sindrome compartimentale all'avanbraccio appena operato ndr) ma il colosso di Tokyo non ha accolto la richiesta dell'australiano. "Mi dispiace ma non sarò al Circuito delle Americhe. Sarebbe stato un onore correre per Dani, ma si vede che non era cosa". Questo il Tweet del due volte campione del mondo dal quale traspare un certo rammarico ed una profonda delusione. Molti pensavano che il fuoriclasse di Kurri Kurri avesse trovato la sua dimensione (e forse la felicità che gli è sempre mancata) nel suo Ranch "Down Under" e nelle lunghe sessioni di pesca negli straordinari paesaggi argentini dove si trovava fino a pochi giorni fa. Ma evidentemente, il richiamo della competizione (Stoner correrà con la Honda la 8 Ore di Suzuka a Luglio ndr) non è mai scomparso del tutto. Livio Suppo, Manager Hrc e l'uomo che ha lanciato Stoner in Ducati per poi portarlo alla definitiva consacrazione in sella alla Honda, ha confermato la trattativa e spiegato i motivi per cui il grande ritorno non è andato in porto: "A Casey avrebbe fatto piacere ma non era il caso. Abbiamo iniziato il campionato con un quinto posto invece della vittoria ed è meglio se restiamo concentrati. Il ritorno di Stoner sarebbe stato bellissimo per i tifosi ed è vero che Casey continua a fare delle prove per noi. Però non conosce la pista ed i fans lo avrebbero voluto subito davanti; aspettativa eccessiva perche ormai il livello è altissimo. Quindi meglio di no, per noi tutti". Forse ha ragione Suppo, ma più che la tutela di Stoner (che comunque, anche senza conoscere le curva del Cota avrebbe avuto tutte le carte in regola per fare meglio di Aoyama ndr) la Honda sembra intenzionata a proteggere la tranquillità emotiva e psichica di Marquez. Che ci sta, perchè lo spagnolo, giustamente, è il Re indiscusso del team. Però è ugualmente un peccato. Assistere ad una eventuale battaglia tra Marc, Casey, Valentino e Jorge sarebbe stato infatti un qualcosa di epico.

Auto - Ontheroad

Hippies, feste, sessioni di surf e da ieri notte piccoli grandi scampoli di MotoGp. L'iconica isola tropicale di Bali è stata infatti scelta dalla Honda come sede della sua presentazione più importante. Quella dedicata alla RC213V; la moto con cui Re Marc Marquez difenderà il titolo di campione del mondo in carica nella prossima stagione di MotoGp, e con la quale il timido Dani Pedrosa tenterà di sbarazzarsi della poco edificante etichetta di eterno secondo. Fatta eccezione per la scritta Red Bull più imponente, le Honda, almeno a livello estetico, restano sostanzialmente invariate. Per capire l'entità dei progressi tecnici bisognerà invece attendere fino a mercoledi prossimo quando scatteranno i primi test 2015 a Sepang. Dove sarà interessante capire se Pedrosa trarrà beneficio immediato dalla sostituzione di buona parte degli uomini nel suo box. Il team di Marquez resta inalterato ed è quello con cui il "Cabroncito" ha dominato in lungo e in largo il Mondiale 2014. D'altronde squadra che vince non si cambia; ed il discorso vale anche e sopratutto per la Honda che per tre volte negli ultimi quattro anni, si è aggiudicata il titolo piloti, marche e costruttori.  La scelta dell'Indonesia, ha molto a che fare con il marketing in quanto il paese è uno dei maggiori mercati mondiali delle due ruote. Tesi coadiuvata da Livio Suppo, Manager della Hrc, che ha spiegato come "la MotoGp abbia moltissimi fans in'Indonesia e dunque speriamo di correrci un gran premio in futuro".  Cosa che, considerando il peso specifico e politico della Honda all'interno del Motomondiale, probabilmente accadrà. E' stata una lunga e impegnativa pausa invernale e ora non vedo l'ora di iniziare la stagione - ha raccontato il campione del mondo da Bali - ed è bello presentare le nostre nuove moto in Indonesia, insieme al nostro partner Astra Honda, e con un bellissimo panorama di sfondo. E' la mia prima volta qui a Bali ed è meraviglioso vedere tutti i tifosi qui e sentire il loro entusiasmo per la MotoGP. Domani si parte per la Malesia, mi sono allenato molto durante il mese scorso per prepararmi per questi primi due test di Sepang e sono felice di essere con il mio team per vedere come va la nuova moto dopo test di Valencia".    

Auto - Ontheroad

Questo blog non è ufficiale e non è associato in alcun modo con il sito ufficiale www.motogp.com e con Dorna SA. MotoGP, Moto2 e Moto3 sono marchi registrati da Dorna SA. This blog is unofficial and is not associated in any way with the official web site www.motogp.com and Dorna SA. MotoGP, Moto2 and Moto3 are registered trade marks of Dorna SA .


Questa opera è pubblicata nel rispetto delle licenze Creative Commons.

© 2018 Nanalab S.r.l.. Tutti i diritti riservati.

P.IVA 09996640018