MOTORI
MotoGP: Pasini "Ho portato i miei soldi e mi hanno lasciato a piedi"
Scritto il 2012-10-03 da Luca Bologna su Infomotogp

Fonte: Ufficio Stampa Speed Master

Mattia Pasini, è a piedi e amareggiato. "Ci sono dei contratti e delle penali - ci ha detto il pilota romagnolo -, da qui in avanti andranno avanti gli avvocati, sperando che la legge guardi anche da questa parte". 

Solo ieri l'annuncio del Team Speed Master della sostituzione con Roberto Rolfo. "Cosa volete fare - ha detto Pasini - questa è la realtà delle cose, io posso solo sperare che certa gente non dorma tranquilla la notte. Ho portato i miei soldi, ho venduto dei beni, la macchina e mi hanno fregato. Il Team Speed Master ha fatto talmente tanto casino nel mondiale che non è nemmeno stato riconfermato per l'anno prossimo. Dispiace che un collega arrivi al mio posto solo per aver promesso più soldi. Quello che sta succedendo non è corretto".

Con 29 podi, 10 vittorie e 12 pole position nel suo carnet, Mattia non si sente un pilota finito. "Ho ancora molto da dire e molte soddisfazioni da levarmi - ha detto il romagnolo - so di saper fare il mio lavoro, ma è difficile esprimersi quando non sei in condizione di farlo quando hai una moto che non viene assistita come si deve perchè la squadra non ha i soldi per farlo. Lo stesso Andrea Iannone la settimana scorsa voleva cambiare squadra e andare a correre da Italtrans perchè si era reso conto di non poter essere competitivo se il suo team continuava ad accumulare debiti in giro. Non dovrebbero succedere certe cose, ci vorrebbe più tutela perchè noi piloti ormai facciamo anche la parte dei manager, troviamo i soldi e dopo ci cacciano anche. Facile fare le squadre con i soldi degli altri". 

Adesso Mattia dovrà sbollire la rabbia prima, ma sembra ancora deciso a correre. "L'ho detto sono certo di fare bene, ma mi sono scottato con questa storia. Voglio tornare a correre, ma lo farò solo con gente seria e onesta, in una squadra corretta e speriamo di trovarne". 

A Valencia i primi test dell'anno prossimo dal 12 al 14 novembre, ci sarà Pasini? "Se tutto va bene tornerò anche prima, ma che botta questa!"

Il leader della classifica iridata della Moto2 Esteve Rabat ha fatto segnare la pole position del GP della Malesia in 2.07.429. Per l'iberico si tratta della decima pole stagionale. In prima fila Rabat scatteranno anche il compagno di squadra e avversario per il titolo, Mika Kallio (Kalex) e il tedesco Sandro Cortese (Kalex). In seconda fila ci sono invece Maverick Vinales (Kalex), Thomas Luthi (Suter) e Takaaki Nakagami (Kalex) con il sesto tempo. Il migliore tra i piloti italiani nella Moto2 nel turno di prove ufficiali del Gp della Malesia è stato Franco Morbidelli (Kalex) che con il suo 13° tempo scatterà dalla quinta fila. Il diciannovesimo tempo nelle prove ufficiali, invece, scatterà dalla settima fila il pilota piemontese Roberto Rolfo (Suter), poi Lorenzo Baldassarri (Suter) con il 23° tempo. Un brutto volo che è costato una Kalex, ha messo fuori gioco per le qualifiche Mattia Pasini. Il romagnolo non ha nessun tempo nel turno ufficiale e la sua partecipazione se i meccanici riusciranno a rimettere in piedi la sua moto, sarà dall'ultimo posto in fondo alla griglia di partenza.

Moto - Infomotogp

Nella entry list della MotoGP, diffusa ieri, mancano due caselle da riempire. Una è della Aprilia Gresini, l'altra è del Team Iodaracing. Partiamo dal Team Iodaracing. La squadra di Sacchi sta facendo il suo mercato e non è escluso che una decisione almeno sul pilota venga presa durante la prossima settimana. In ballo per la squadra di Sacchi ci sono ancora Hiroshi Aoyama che non è stato confermato nel team Aspar, Alex De Angelis e il pilota Moto2 (ma a piedi per l'addio di Aspar alla classe di mezzo del mondiale) Jordi Torres. I primi due sono piloti di esperienza, il terzo sarebbe un debuttante nella classe regina, materia prima con la quale Giampiero Sacchi è sempre stato bravo a lavorare (da Rossi a Petrucci, sono passati quasi tutti dal manager ternano a inizio carriera). Passiamo al team Gresini. La squadra italiana che sarà l'anno prossimo il riferimento dell'Aprilia non ha ancora ufficializzato i propri programmi per quanto riguarda il secondo pilota da affiancare al confermato Bautista. Le decisioni in questo caso verranno prese certamente al termine o durante il week end prossimo, quando in Qatar si correrà il round di Losail. C'è da capire le intenzioni di Melandri che con l'Aprilia ha un contratto per correre in Superbike anche nel 2015, categoria che però il marchio del Gruppo Piaggio lascerà ai privati, sfilandosi da ogni impegno ufficiale. C'è poi la questione Guintoli. Per quanto i media che si occupano di derivate di serie, diano il francese già in sella a una Honda del Team Pata Ten Kate, la realtà è che non è stato firmato ancora alcun contratto. Guintoli, dunque potrebbe tornare anche lui utile per la MotoGP da Gresini come Melandri. Insomma da questa parte c'è una matassa ancora da sbrogliare abbastanza intricata. C'è poi la questione moto. Il Team Iodaracing ha un TBC sulla colonna della marca nelle entry list provvisorie. La squadra di Sacchi che è stata vicina all'Aprilia in questa stagione schierando l'unica ART nella MotoGP con Petrucci, sarà certamente ancora con la casa veneta, mentre non è chiara ancora la data di arrivo della nuova Aprilia MotoGP. I primi pezzi della nuova moto sono arrivati a Noale, ma da qui mettere insieme una moto completa ancora ce ne manca. Molto probabilmente il Team Gresini avrà a disposizione delle ART evolute (quelle del reparto esperienze Aprilia) per i primi test di Valencia, poi si vedrà.

Moto - Infomotogp

L'esperto rider torinese Roberto Rolfo, pilota di grande esperienza con una carriera di tutto rispetto nella superbike, supersport e anche in MotoGP, difenderà a Sepang e Valencia i colori del Team Tasca. La squadra veneta, dunque, è al terzo cambio pilota nel mondiale da quando De Angelis è tornato in MotoGP: prima ha provato con Riccardo Russo con il quale c'è stato un violento scontro via Facebook per poi passare a Max Crocker in Australia, dunque si è arrivati a Rolfo. Rolfo verrà assistito da Massimo Biagini nel ruolo di capo tecnico. Biagini, che sta collaborando con Tasca dal Gp d'Australia ha una vasta esperienza nel mondiale anche lui come Rolfo. Il tecnico di San Marino è uno dei padri dell'attuale progetto Mahindra Moto3.

Moto - Infomotogp

INFOMOTOGP
MOTORI

Questo blog non è ufficiale e non è associato in alcun modo con il sito ufficiale www.motogp.com e con Dorna SA. MotoGP, Moto2 e Moto3 sono marchi registrati da Dorna SA. This blog is unofficial and is not associated in any way with the official web site www.motogp.com and Dorna SA. MotoGP, Moto2 and Moto3 are registered trade marks of Dorna SA .


Questa opera è pubblicata nel rispetto delle licenze Creative Commons.

© 2014 WeBoost MEDIA S.r.l.. Tutti i diritti riservati.

P.IVA 105 49 521 002