MOTORI
MotoGP: Ezpeleta "Nessun cambiamento in SBK per il 2013"
Scritto il 2012-10-11 da Luca Bologna su Infomotogp

Fonte: www.motogp.cpm

"Non ci saranno cambiamenti sostanziali alla Superbike per il 2013". Questo il messaggio fatto passare da Carmelo Ezpeleta nella tanto attesa conferenza stampa a Motegi sull'affaire Dorna-Infront.

Il capo della società che gestisce la MotoGP ha di fatto confermato le parole di Paolo Flammini dello scorso week end a Magny Cours, sottilineando come, pochissimi cambiamenti - non si sa ancora quali - verranno effettuati l'anno venturo, mentre "Un sostanziale cambiamento avverrà nel 2014". 

Tra due anni sembra, insomma, che lo sport della moto su pista come lo conosciamo potrebbe cambiare radicalmente. Tendenzialmente, la MotoGP adotterà la centralina unica, mentre la Superbike potrebbe perdere prestazioni a vantaggio di una formula realmente derivata dalla serie.

"La Superbike - ha detto entrando nell'argomento Valentino Rossi a Motegi - è un po' troppo vicina alla MotoGP, quelle moto dovrebbero essere un po' più come le stock, ovvero più vicine alle moto di serie".

A Rossi e anche agli altri piloti della MotoGP, non va giù il fatto di correre nel campionato prototipi con un limite di 6 motori a stagione, mentre nella Superbike, questo limite non esiste e in alcuni casi nella stagione appena passata, si è anche arrivati alla bella cifra di 40 motori utilizzati.

Una normalizzazione, quella del 2014, insomma, che va solo nella direzione del Dorna-pensiero, mentre non è ancora chiara quale sia la posizione della case giapponesi, con Honda in testa, ultimamente poco in sintonia con le decisioni di Ezpeleta. Il manager spagnolo, comunque, è quello che sembra avere saldamente il coltello dalla parte del manico. In Formula 1, a suo tempo, ci fu una sollevazione delle Case contro Bernie Ecclestone, che del massimo campionato delle quattro ruote ha sempre fatto il padre-padrone.

La soluzione in quel campo, fu quella di renedere le squadre (che sono in molta parte controllate dalle Case) partner nella gestione dei diritti televisivi. A questo punto, non rimane che stare a guardare come questa guerra tra giganti (Dorna Vs Case) vada a finire e quali vantaggi e svantaggi porti con se.

In concessionaria sta per arrivare la nuova Suzuki Bandit 1250S ABS, la rinnovata sport tourer che si fa apprezzare per la sua spiccata agilità in strada senza però rinunciare a un aspetto muscoloso e deciso, tipico di una due ruote che non vuole certo passare inosservata. La nuova Bandit 1250S che ha fatto il suo debutto in anteprima lo scorso autunno ai saloni di Colonia e Milano, si propone come una moto migliorata sotto diversi aspetti rispetto al modello precedente. Il costruttore giapponese propone una moto che dal punto di vista estetico è dotata di una semi-carenatura che parte dal cupolino fino alle fiancate del radiatore, assicurando così maggiore praticità nella guida a bassa velocità e più protezione aerodinamica quando la velocità sale. Per quanto riguarda il motore sulla nuova Suzuki Bandit 1250S troviamo un quattro cilindri in linea da 1255 cm3 con 98 CV di potenza e 108 Nm di coppia a 3.700 giri al minuto. Tra le dotazioni della nuova sport tourer nipponica troviamo di serie anche il sistema ABS, oltre al monoammortizzatore con leveraggio progressivo al quale si affida la sospensione posteriore. Sulla Bandit 1250S c’è un quadro strumenti LCD accanto al contagiri analogico, mentre a garantire il comfort in sella alla moto ci pensa il piano seduta regolabile in altezza, con range di 20 mm, per trovare la posizione di guida migliore. Disponibile in tre colori, Candy Daring Red, Pearl Glacier White e Glass Sparkle Black, la nuova Suzuki Bandit 1250S può essere arricchita anche con diversi accessori, come il silenziatore Yoshimura o il bauletto posteriore da 47 litri. Il prezzo della nuova Bandit 1250S è di 9.500 euro.

Moto - Comunicablog

Un viaggio da sud a nord dell’Italia attraversando alcune delle più belle località del Belpaese da fare in sella alla vostra moto preferita. Anche quest’anno torna l’evento dedicato alle moto della famiglia Yamaha MT: l’MT Tour 2015, un’avventura da vivere potendo effettuare un test ride che consente ai motociclisti e appassionati del marchio giapponese di poter saggiare direttamente con mano le potenziali delle due ruote Yamaha MT. Le moto da provare Saranno diverse le moto protagoniste dello Yamaha MT Tour 2015, tra le quali la bicilindrica MT-07 e la tre cilindri MT-09, quest’ultima anche nelle versioni Street Rally, Sport Tracker e Tracer. Oltre a poter mettersi alla guida su strada delle Yamaha MT nelle varie tappe del tour organizzato dalla Casa motociclistica nipponica, l’evento sarà anche l’occasione per scoprire l’abbigliamento originale Yamaha dedicato all’universo delle Master of Tarque, fatto anche di diversi modelli di caschi Shark tra i quali Vancore, Raw e Explore “R”. Inoltre si potrà conoscere e approfondire YamahaGo, la formula di finanziamento proposta ad hoc per l’acquisto della MT-07, della MT-09 e della MT-09 Tracer. A chi partecipa ai test ride Yamaha riserva anche uno sconto del 10% sull’acquisto di una polizza RC con Motoplatinum. Gli appuntamenti delle MT Tour 2015 Dopo la tappa che si è svolta il 9 e 10 maggio a Napoli, lo Yamaha MT Tour 2015 ha in programma altri cinque appuntamenti che si svolgeranno nei week-end dei prossimi mesi. Ecco le date e le sedi fissate dal marchio giapponese per i test ride itineranti delle MT: 16 e 17 maggio a Castel Gandolfo, via della Spiaggia del Lago 1 (Roma); 23 e 24 maggio al Passo della Raticosa (Firenze); 30 e 31 maggio al Passo del Penice (Bobbio, PC); 6 e 7 giugno ad Arona (Novara); 3,4 e 5 luglio al Motoraduno Stelvio International (Sondalo).

Moto - Comunicablog

Il nuovo anno da poco cominciato sarà ricco di interessanti novità per le due ruote Honda con l’arrivo di una serie di nuovi modelli. Il marchio motociclistico giapponese ha in parte annunciato alcune delle sue novità per il 2015 qualche settimana fa in occasione del Motor Bike Expo di Verona, evento espositivo dedicato agli appassionati di motociclismo. Proprio alla manifestazione veronese Honda ha presentato lo scooter Integra, oltre alla versione più prestazionale Integra 750S Sport, nuovi modelli affiancati da certezze della gamma nipponica come la Honda SH e il PCX. Chi invece è prestazioni decisamente più elevate può guardare alle novità Honda nel segmento sportive e naked dove il marchio del Sol Levante propone la CBR 1000RR Fireblade, anche nelle versioni SP e Repsol Replica #93, la CBR 650F, la CB 650F, la VFR 800F e l’aggressiva CB 1000R. La gamma CFR di Honda invece strizza l’occhio agli amanti delle due ruote da offroad per le avventure fuoristrada, tra queste troviamo la CRF 450Rally e la CRF 450R. Anche chi ha appena preso la patente troverà moto Honda conformi alle proprie esigenze in termini di limiti di potenza come la CBR 300R e la CBR 500R. Per quanto riguarda invece le due ruote tourer l’offerta di Honda si compone delle mitica Goldwing, affiancata dalla CTX 1300 e dalla Crosstourer Travel Edition dotata di cambio a doppia frizione DCT.

Moto - Comunicablog

INFOMOTOGP
MOTORI

Questo blog non è ufficiale e non è associato in alcun modo con il sito ufficiale www.motogp.com e con Dorna SA. MotoGP, Moto2 e Moto3 sono marchi registrati da Dorna SA. This blog is unofficial and is not associated in any way with the official web site www.motogp.com and Dorna SA. MotoGP, Moto2 and Moto3 are registered trade marks of Dorna SA .


Questa opera è pubblicata nel rispetto delle licenze Creative Commons.

© 2015 WeBoost MEDIA S.r.l.. Tutti i diritti riservati.

P.IVA 105 49 521 002