MOTORI
MotoGP: Dorna-SBK un affare nonostante tutto
Scritto il 2012-10-05 da Luca Bologna su Infomotogp

Fonte: Motogp.com

Cosa cambierà nella Superbike? Una domanda che sembra un mantra nel  paddock di Magny Cours, una cantilena che si può ascoltare dietro ai camion, nelle hospitality e anche nei box.

L'arrivo della Dorna equivale alla vicenda dell'ufo di Roswell. L'organizzatore catalano ha avuto tanta fretta nel comunicare il passaggio della Infront Motorsport, anche troppa. Qual'è stata l'opportunità di dirlo all'alba dell'ultimo Round del mondiale della Superbike, perchè comunicare questo terremoto? 

Bridgepoint, che dallo scorso anno controlla sia la Infront e la Dorna, doveva attendere il via libera dell'anti trust europea per l'acquisizione finale. Tale autorizzazione, che sembra sia arrivata, ma che nessuno riesce a trovare, serve per evitare posizioni dominanti e nello specifico ci sarebbe la posizione di estrema forza di Dorna nel motociclismo sportivo. Ma c'è anche la crescente forza di Carmelo Ezpeleta, che della stessa Bridgepoint sembra controlli il 20% del capitale.

Quello che è certo, analizzando la situazione a "volo d'angelo",  è il risultato a breve termine. La confusione. Chi lavora nelle derivate di serie non ha bene l'idea di quello che potrà accadere. Nel breve termine ci si aspetta un cambio radicale nei reparti chiave della SBK: ovvero nel marketing, nella comunicazione e nella produzione televisiva. La Dorna ha questi asset come fiore all'occhiello, con una gestione a volte discutibile, ma dal risultato ineccepibile.

Il comparto della produzione TV dell'organizzatore catalano è uno dei più avanzati del mondo. Dorna collabora da anni con molti produttori di apparati broadcast che gli hanno permesso di sperimentare nuove tecnologie; tra queste le telecamere on board giroscopiche e le riprese bordo pista in 3D. Dall'altra parte la Superbike non ha tanto spiegamento di mezzi e di uomini, basti pensare alle circa 10 on board sulle derivate di serie contro alle circa 70 montate dalla Moto3 alla MotoGP. Quello che la Dorna gestisce con il pugno di ferro i diritti TV, con i quali tiene per buona parte in piedi le sue attività, mentre la gestione delle immagini da parte della Superbike è più "permissiva", il che in questi anni ha massimizzato l'esposizione con un impegno minimo, ma senza valore aggiunto.

Il marketing e la gestione degli sponsor erano una branca in espansione nella Superbike che ha gestito molto bene l'ingresso del title sponsor Eni per il campionato, oltre ad aver mantenuto la formula del paddock show, che ha creato il legame forte tra gli appassionati e i protagonisti della serie, decisamente più "umani" dei colleghi in MotoGP.

Tornando a Magny Cours, la tensione è nell'aria, palpabile. In molti temono per il loro posto di lavoro, non c'è infatti nessuna garanzia che lo status quo continui un'altra stagione o solo un altro mese. Domani arriverà Flammini, l'unico che fino ad oggi non ha parlato. In nessuna comunicazione ufficiale appare una sola parola del creatore della Superbike. Sabato ci sarà un incontro con alcuni fidati collaboratori, forse l'ultimo per chi, contro Carmelo ha perso la guerra.

Prima sembrava un caso isolato alla sola Spagna, adesso anche in Italia, la Dorna ha chiuso il Videopass agli utenti internet. Come vedete nella foto accanto, non ci si può più abbonare on line ai servizi di MotoGP.com. Niente diretta on line internazionale, dunque, ma la chiara indicazione di recarsi sul sito di SKY. In Spagna, addirittura, gli utenti del Videopass sono stati risarciti, perché l'accesso non era più possibile anche se l'abbonamento era stato fatto prima dell'arrivo di Movistar, in Italia sembra (e dico sembra perché ho il videopass e lo vedo) che le cose non stiano così. A questo punto c'è da domandarsi quale sia la politica della Dorna nei confronti del motociclismo. Oscurare tutti i canali è come darsi la zappa sui piedi, soprattutto quando i servizi di SKY non stanno incontrando il favore degli appassionati, come ampiamente testimoniato dai commenti on line e dai numeri in calo. Auguri (a noi).

Moto - Infomotogp

Partenza a tutto gas per la MotoGP su Sky e Cielo secondo quanto dichiarato dall'emittente. Nel complesso il primo Gran Premio della stagione, in diretta ieri dalle 20, dal circuito di Losail, in Qatar, è stato visto in media da 3.222.542 spettatori, con il 12,02% di share  e 5.292.485 spettatori unici. In particolare, la gara su Sky Sport MotoGP HD è stata seguita in media da 899.274 spettatori, più di quelli raccolti su Sky dai posticipi di Serie A Catania-Juventus (837.838), Lazio-Milan (602.430), e il Clasico Real Madrid-Barcellona (557.791). Su Cielo sono stati invece 2.323.268 gli spettatori medi che hanno seguito il GP del Qatar. Alle 20.42, in occasione della fase finale del duello tra Marquez e Rossi, si è registrato il picco di ascolto su Sky Sport MotoGP HD e Cielo, con 4.226.795 spettatori e il 15,1% di share. Da segnalare anche le gare delle altre due classi, sempre su Sky Sport MotoGP HD e Cielo: la diretta della Moto3, dalle 17, ha raccolto un’audience media di 607.251 spettatori complessivi, mentre quella della Moto2, dalle 18.20, è stata vista nel complesso da 829.956 spettatori medi. Dalle 20 alle 23, sono stati 4.247.786 gli spettatori unici che si sono sintonizzati sui canali Sport e Calcio della piattaforma Sky, nella super serata di sport, con calcio, moto, tennis, golf e baseball. Anche su Twitter i fan del Motomondiale hanno commentato l’intero weekend con entusiasmo, partecipando alle diverse fasi della gara in Qatar: oltre 40 mila i tweet di conversazione globale sulle tre classi MotoGP/Moto2/Moto3, sui team e sulla visione del Motomondiale su Sky. L’#SkyMotori è sul podio dei più citati. Il picco di conversazione su Twitter è stato registrato intorno alle 20.45, sempre in corrispondenza delle fasi finali della gara. Rossi, Lorenzo e Bautista sono stati i piloti più citati nell’intero weekend. I canali Sky dedicati al commento della MotoGP su Facebook e Twitter (fb.com/SkySportMotoGP e @SkySportMotoGP) hanno raggiunto i 40 mila iscritti  e superato le 15 mila interazioni durante il weekend di gara. Grande successo sui social network anche per lo Sky Racing Team VR46: la pagina Facebook ufficiale del team (fb.com/SkyRacingTeamVR46), l’account Twitter @SkyRacingTeam e quello su Instagram (instagram.com/skyracingteamvr46) aggregano già oltre 22 mila fan che hanno seguito e commentato il primo weekend in pista dei due giovanissimi piloti italiani.

Moto - Infomotogp

Una bega all'orizzonte per la Dorna, chiamata a risarcire per 40 milioni di euro lo stato spagnolo. Secondo quanto riporta il giornale on line Cinco Dias, l'Alta Corte iberica è pronta a chiedere l'indennizzo alla società che organizza il mondiale dopo un procedimento che parte dagli anni fiscali 2003-2006. Solo analizzando quegli anni, i finanzieri del Re di Spagna hanno trovato irregolarità che hanno portato a sanzioni da 20,3 milioni e 22,5 milioni di euro. Dorna avrebbe già pagato 19,2 milioni e depositato in garanzia al ministero del tesoro iberico altri 1.140.000 euro. Dalla Dorna, scrive il giornale Cinco Dias, le rassicurazioni sulla volontà di mettere in ordine le cose, ma ci sarebbe anche la volontà di andare a ricorso se la Suprema Corte dovesse ulteriormente penalizzare la società. Nel frattempo l'Agenzia per le Entrate spagnola avrebbe notificato alla Dorna nuovi controlli sugli anni 2006-2007, con ulteriori sanzioni per 5,2 milioni e 3,5 milioni di euro dei quali la società presieduta da Carmelo Ezpeleta avrebbe già pagato 2,4 milioni come anticipo. Per questa tranche di sanzioni, comunque, la Suprema Corte avrebbe già accettato il ricorso della Dorna che quindi verrà risarcita. Cosa fa la Dorna - 2036: Dorna ha i diritti dalla FIM per la MotoGP fino al 2036. - Superbike: Il 31 Gennaio 2013 la Dorna ha acquisito i diritti di proprietà del Campionato Mondiale Superbike per un prezzo di 14.210.000 Euro. - Società: Dorna è composta da 186 persone (31 dicembre 2012). I costi del personale nel 2012 erano pari a 13 milioni di euro. - Rifinanziamento: Nel marzo 2011 la Dorna rifinanziato i suoi prestiti. Il 9 marzo dello stesso anno ha firmato un contratto di finanziamento per 320.000.000 Euro e 126 milioni di dollari. - Impegni: Dorna ha diritti commerciali del Campionato del Mondo fino al 2036. Gli obblighi di pagamento contemplano il pagamento di poco più di 48 milioni l'anno alla Federazione Motociclistica Internazionale e alla IRTA. In totale a Dorna rimarrebbe da pagare 431 500 000 € (fine 2012). - Vantaggi: Dorna nel 2012 ha registrato un utileal netto delle imposte di € 28.700.000. - Spettatori: Nel 2012 il totale delle presenze del Campionato del Mondo è stato di 2,2 milioni di spettatori. Il Gran Premio di Jerez 2012 ha attirato circa 200.000 persone. In 12 dei Gran premi disputati è stata registrata la presenza di oltre 100.000 persone. Il tipo di pubblico televisivo prevalente ha meno di 35 anni di età, il 70% è maschile. Il sito web gestito da Dorna www.motogp.com nel 2012 ha registrato oltre 76 milioni di visite.

Moto - Infomotogp

INFOMOTOGP
MOTORI

Questo blog non è ufficiale e non è associato in alcun modo con il sito ufficiale www.motogp.com e con Dorna SA. MotoGP, Moto2 e Moto3 sono marchi registrati da Dorna SA. This blog is unofficial and is not associated in any way with the official web site www.motogp.com and Dorna SA. MotoGP, Moto2 and Moto3 are registered trade marks of Dorna SA .


Questa opera è pubblicata nel rispetto delle licenze Creative Commons.

© 2014 WeBoost MEDIA S.r.l.. Tutti i diritti riservati.

P.IVA 105 49 521 002