MOTORI
MotoGP: Dorna-Infront, Flammini "Tutto rimarrà come prima, spero" - VIDEO
Scritto il 2012-10-07 da Luca Bologna su Infomotogp

Fonte: Foto Otto Moretti

Niente cambi perchè tutto cambi. Nella conferenza stampa di Paolo Flammini a Magny Cours, poche certezze se non quella di un cambiamento graduale che arriverà in tempi da verificare.

"Domani avremo una Superbike commission - ha detto Paolo Flammini - nella quale di fatto confermeremo i regolamenti tecnici attuali. Stiamo lavorando, come anche avete visto con la pubblicazione da parte della FIM dei calendari, per una continuità nel progetto".

L'ingresso della Infront Motorsport nella Dorna è stato uno dei punti principali della conferenza. 

"Quando si aprono le società a capitali esterni - ha detto ancora Flammini - è naturale che ci sia una perdita di potere personale, ma questo non è un problema se il progetto va avanti e si sviluppa. Abbiamo stretto in passato, come famiglia Flammini, diverse partnership per far diventare la Superbike la realtà che è. Abbiamo iniziato 25 anni fa e ora siamo una realtà interessante, il fatto che si arrivi sotto il cappello della Dorna non è certamente un problema. Non posso invece dare delle notizie per quanto riguarda quello che accadrà da qui a breve, delle decisioni verranno prese nei prossimi giorni. Io credo che la squadra che gestisce la Superbike debba essere riconfermata per il bel lavoro fatto fino a questo momento". 

Paolo Flammini rimarrà al timone del campionato?

"Questo non è stato ancora deciso. Bisognerà vedere quello che accadrà nei prossimi giorni". 

Adesso è ufficiale, il CEV sale di rango e dal 2015 assumerà nuove valenze: Campionato del Mondo Junior Moto3, Campionato Europeo Moto2 e Campionato Europeo Superbike. Il carattere internazionale del CEV, per piloti partecipanti e per circuiti nei quali si corre anche al di fuori della Spagna, ha portato la FIM a decidere per il salto di qualità di questo campionato cosi come, in accordo con la FIM Europa, si elevano a valenza di campionati europei le classi Moto2 e Superbike. Di seguito il calendario per il 2015:  26 aprile all'Autodromo Internacional do Algarve - Portimão 17 maggio Le Mans (Moto3 ™) 21 Giugno Circuito di Catalogna 5 luglio Motorland Aragon 6 settembre Circuito de Albacete 4 ottobre Circuito de Navarra 1 novembre Circuito de Jerez 15 novembre Comunitat Valenciana - Ricardo Tormo

Moto - Infomotogp

Vito Ippolito è stato confermato Presidente della Federazione Internazionale del Motociclismo per il terzo mandato da quattro anni (il primo nel 2006, poi confermato nel 2010 e nella votazione di oggi). L'elezione che ha confermato il venezuelano alla guida dell'organismo di controllo regolamentare del motociclismo è stata celebrata a Jerez de la Frontera dove sono stati chiamati i rappresentanti di 103 federazioni nazionali. "La FIM - ha detto Ippolito - ha raggiunto molto negli ultimi tempi, ma abbiamo ancora del lavoro da fare e sono felice di essere in grado di dirigere e assistere la FIM, in futuro, in quanto abbiamo ancora molte sfide nel corso dei prossimi quattro anni ". L'elezione di Ippolito non era per nulla scontata. Si è parlato di un probabile cambio al vertice con l'avvicendamento di Ippolito con il Presidente della Federazione del Qatar, Nasser Khalifa Al Atya, ma a quanto pare questo cambio di passo non è avvenuto. Con la stabilità della presidenza della FIM, la Dorna può rimanere tranquilla. Il rapporto tra Federazione Internazionale e Dorna l'avevamo trattato QUI, dunque nulla cambia per l'organizzatore spagnolo che potrà abbastanza agevolmente disegnare la MotoGP dei prossimi anni a partire dal nuovo regolamento: quello del 2016. A partire da quella data, le case dovranno accettare il software unico e l'elettronica della Dorna, ma rimane da dirimere ancora la questione del numero di motori che verranno concessi. Se fosse cambiato il presidente della FIM con uno magari "meno allineato" con la società che gestisce tra le altre cose anche la MotoGP (nel carnet della Dorna c'è la SBK, il BSB, il mini mondiale Moto3, il CEV, l'Asia Talent Cup, la AMA SBK - tramite Rayney -, la Sbk Australiana...), avrebbe rischiato di arrivare a dei compromessi che ora sono del tutto tramontati con la conferma di Ippolito.  

Moto - Infomotogp

Dopo aver affrontato le principali attività della Dorna, dell'Irta e aver visto come la società spagnola presieduta da Carmelo Ezpeleta, sia di fatto monopolista per quanto riguarda le corse su asfalto ad alti livelli, andiamo ad analizzare il rapporto tra la Dorna e la Federazione Intermazionale del Motociclismo. Iniziamo con il dire cos'è la FIM. Nata nel 1904 sotto il nome di Federazione Internazionale Club Motociclistici, inizia la sua attività da Parigi, come un organo di organizzazione di gare francese. Il fatto di aver organizzato successivamente alcune gare di respiro internazionale, ha fatto aprire l'orizzonte al FICM verso altre federazioni straniere e questo gli ha permesso di iniziare quelle attività di dialogo e mediazione che sono proprie di un organo internazionale. Dal 1913 in poi le attività della FICM diventano sempre più intense, fino all'organizzazione dell'ISDE, la sei giorni di fuoristrada che si corre ancora oggi. Con il passare del tempo le attività si sono fatte più intense in ogni campo del motociclismo. Nel 1949 inizia l'organizzazione del primo mondiale road racing e la FICM inizia a trasformarsi in FIM, la quale nel 1959 trasferirà la sua sede da Parigi a Ginevra. Da allora, dopo 800 gare disputate su pista nel motomondiale (dall'inizio a quella di Aragon) tante cose sono cambiate. Come abbiamo visto la Dorna arriva a vincere la gara di appalto per l'organizzazione del mondiale nel 1992. Da allora i rapporti con la FIM sono sempre più stretti, a volte anche troppo, ma come potrebbe essere altrimenti? Ultimamente, con la Presidenza del venezuelano Vito Ippolito (in carica dal 2006 e riconfermato nel 2010), il legame tra Dorna e FIM è sembrato ancora più stretto, al punto da far approvare delle norme per la partecipazione nel mondiale e per la sua gestione a dir poco discutibili. Dalla "regola dei rookie" fortemente voluta dall'organizzatore per limitare uno dei migliori talenti in arrivo dalle derivate di serie, Ben Spies, alla sua soppressione improvvisa per l'arrivo in MotoGP dalla Moto2 del talento assoluto e pupillo della Repsol (l'azienda petrolifera spagnola che sponsorizza la Honda e il Campionato Spagnolo di Velocità) Marc Marquez. Possiamo fare ancora una volta l'accenno alla "legge Quartararo" o possiamo citare i cambi improvvisi e a volte non sensati dei regolamenti della MotoGP, che vengono fatti in tempi brevissimi, o meglio a comando dell'organizzatore. Una di queste anomalie è certamente la classe di mezzo tra Open e Factory, fatta su richiesta della Dorna dopo accordi con la Ducati, per l'utilizzo in contemporanea delle facilitazioni di entrambe le categorie. Ducati in questo momento è un ibrido, in teoria difficilmente classificabile. Le D16 corrono con i 12 motori e i 24 litri della Open, ma con l'elettronica delle Factory (ovvero quella sviluppata da Ducati e non quella unica della Dorna by Marelli). Insomma una via di mezzo. I regolamenti, dunque appaiono scritti sempre di più sotto dettatura della Dorna che a sua volta trasmette alla FIM le sue esigenze che arrivano da chiari accordi con le Case (quelle presenti nella associazione dei costruttori, meglio nota come MSMA). Il motore unico della Moto2, che dovrebbe essere ridiscusso nel 2016, fornito dalla Honda, l'introduzione della Moto3 (qui l'esigenza in partenza era quella di eliminare il monopolio di Aprilia nella 125 e di stimolare altri costruttori, come Honda e KTM), i continui cambi di cilindrata della MotoGP, insomma dietro alla stesura delle regole la "longa mano" dell'organizzatore si vede. E si percepisce anche nella SBK, presa in gestione da un paio di stagioni sempre dalla Dorna, dove l'impostazione generale del campionato è già cambiato due volte in maniera brusca e dissennata. Come già fatto per le altre parti de I Padroni delle Corse, siamo andati ad analizzare i flussi di cassa della Federazione Internazionale e quello che abbiamo trovato giustifica in qualche modo l'enorme peso della Dorna nelle decisioni dell'ente. Iniziamo con lo specificare che i dati in nostro possesso riguardano l'esercizio 2012, quando a capo della SBK c'era ancora la Infront e i Flammini, ma l'idea che possiamo farci è chiara se aggiungiamo i contributi di quella gestione alla Dorna che oggi si occupa anche delle derivate di serie. La FIM incassa dai promoter, che sono 10 per tutte le discipline del motociclismo sportivo (dallo speedway su ghiaccio all'enduro, dal motard al motocross fino ai mondiali su pista),  15.270.000 CHF (circa 12.653.122,732 Euro), mentre se scorporiamo i due mondiali SBK e MotoGP (oggi gestiti solo dalla Dorna) l'ammontare versato nel 2012 è stato 11.071.000 CHF (circa 9.173.721,137 Euro). La Dorna dunque, ad oggi è il maggiore contributor delle casse della FIM, con i 3 quinti del suo budget. E' inevitabile quindi una profonda influenza dell'organizzatore spagnolo nelle decisioni regolamentari dell'ente internazionale che dovrebbe invece essere super partes. La FIM si trova nella condizione di dover subire i voleri di Madrid anche in virtù dell'accordo di organizzazione del mondiale MotoGP che dovrà essere ridiscusso nei prossimi anni, non può battere i pugni sul tavolo per opporsi in alcun modo. Le cifre versate dalla Dorna sono importanti e non esiste nessun'altra società così organizzata e con le spalle larghe in termini finanziari, da poter essere chiamata a sostituirla, essendo anche la società gestita dai fratelli Flammini incorporata alla Bridgepoint due anni fa.

Moto - Infomotogp

INFOMOTOGP
MOTORI

Questo blog non è ufficiale e non è associato in alcun modo con il sito ufficiale www.motogp.com e con Dorna SA. MotoGP, Moto2 e Moto3 sono marchi registrati da Dorna SA. This blog is unofficial and is not associated in any way with the official web site www.motogp.com and Dorna SA. MotoGP, Moto2 and Moto3 are registered trade marks of Dorna SA .


Questa opera è pubblicata nel rispetto delle licenze Creative Commons.

© 2014 WeBoost MEDIA S.r.l.. Tutti i diritti riservati.

P.IVA 105 49 521 002