MOTORI
Moto3 Misano: Cortese vince e allunga, Fenati (deluso) sul podio
Scritto il 2012-09-16 da Roberto Pagnanini su Infomoto3

Fonte: Ufficio Stampa MotoGP

Sandro Cortese ha fatto sua la vittoria nella gara della Moto3 sul circuito di Misano Adriatico ed inserita nel Gran Premio di San Marino e della Riviera di Rimini.

Il tedesco ha preceduto per meno di mezzo secondo Luis Salom, anche lui su KTM ma con telaio Kalex e il nostro Romano Fenati che, a sua volta, ha bruciato sul filo di lana Alex Rins.

E' stata una gara avvincente e non priva di colpi di scena, iniziando dalla prima curva dove, appena partiti, Danny Webb ha innescato con un contatto, una caduta che ha coinvolto, oltre lui, Kevin Calia, Alan Techer e Julian Pedone.

Un duello continuo tra Cortese e Fenati ha caratterizzato quasi totalmente la gara, con l'italiano che ha preso il comando al terzo passaggio incalzato dal pilota della KTM che, più esperto di lui, che ha cercato di controllarlo anche quando l'azzurro ha accennato a voler intraprendere una fuga.

Insieme a loro, Folger nelle prime fasi, Salom, Rins, Oliveira ed Antonelli hanno dato vita ad un trenino che però non è mai sembrato in grado di impensierire seriamente i primi due.

Solo a tre giri dal termine la situazione è sembrata cambiare con Fenati a corto di gomme che, in una sola curva perdeva quattro posizioni e veniva sopravanzato non solo da Cortese, ma anche da Salom, Rins e Vinales.

Ultimo giro da brividi, non per Cortese che già davanti di mezzo secondo pregustava la vittoria, ma per gli altri piloti alla ricerca anche dell'ultimo centimetro di pista utile per disegnare le migliori traiettorie con Salom che approfitta del miglior momento per guadagnare la seconda piazza, lasciando Fenati, Rins, Oliviera e Vinales a lottare per i gradino più basso.

Niccolo Antonelli, protagonista nelle prime fasi della gara, lo ritroviamo buon ottavo a solo 4 sec dal vincitore mentre Alessandro Tonucci è più attardato fuori dalla zona punti cosi come Rinaldi, Morciano e la wild card Stefano Valtulini.

Mirorlav Popov che partiva dall'ultima fila dello schieramento, rimasto ulteriormente attardato  alla prima curva a causa dell'incidente causato dal suo compagno di squadra, è riuscito a rimontare sino alla diciannovesima posizione, grazie anche ad una motore che sembra finalmente funzionare in linea con quello della concorrenza.

La vittoria odierna, la terza in campionato quest'anno, permette a Sandro Cortese di allungare ulteriormente in classifica generale portando il suo vantaggio, quando mancano cinque gare al termine, a 46 lunghezze su Vinales che ora lo segue con 179 punti all'attivo.

Si fa sotto Salom al suo settimo podio stagionale mentre, Romano Fenati conquista altri 16 punti e si conferma quarto a quota 120.

Per ciò che concerne i costruttori, ancora FTR al comando a quota 246 davanti alla KTM con 226 punti.

Il pilota del Team SKY VR46, afferma SKY Sport, si è rotto la clavicola mentre si allenava in un circuito nei pressi di Ascoli Piceno. Il pilota marchigiano a seguito dell'infortunio non potrà prendere parte al Rally di Monza nel quale Fenati avrebbe dovuto partecipare per la prima volta. Nel servizio video di SKY Sport che annuncia l'infortunio di Fenati, ci sono delle cose che non tornano e che noi abbiamo riportato pedissequamente. In particolare non si capisce quale delle clavicole si sia rotto Romano (destra o sinistra) e non si capisce quale sia il circuito vicino ad Ascoli Piceno sul quale il pilota della Moto3 si stava allenando.  

Moto - Infomotogp

Solo 12 mesi fa, Maverick Vinales terminava la  sua avventura turbolenta in Moto3 da campione del mondo per iniziare i primi test nella Moto2. Dopo solo un anno nella classe di mezzo, senza titolo mondiale ma con qualche vittoria nella bisaccia, Maverick lascia la Moto2 per entrare nella classe regina dalla porta principale, da "ufficiale" Suzuki al fianco di Aleix Espargarò. Nei recenti test di Valencia, Vinales non era letteralmente nella pelle, nella sua e in quella della sua nuova tuta celeste. Maverick scalpitava chiedendo di girare in ogni condizione di tempo, e quasi a ogni ora. Vinales come sempre ha preso il suo debutto nella MotoGP "di petto", lo stesso stile che ha usato nei suoi anni in Moto3 e nella sua stagione in Moto2. Da un talento a un altro. Jack Miller all'indomani della sfida che gli è costata il mondiale della Moto3 contro Alex Marquez, nei test ha fatto la conoscenza con la sua nuova moto, la Honda Open RCV1000, una bestia inferocita in confronto alla sua vecchia Hondina Moto3, ma molto addomesticata se la paragoniamo a quella del nuovo avversario dell'australiano: Marc Marquez. Miller, insomma, dopo aver finito di "fare a botte" con il fratello piccolo dei Marquez, si ritrova direttamente allo scontro diretto con il più grande. Dalla padella alla brace. Questi due rookie di talento (ci sono anche Baz e Laverty), però, avranno a che fare a loro volta con dei piloti esperti, che potremmo definire "diversamente rookie". Si tratta di Marco Melandri e Alex De Angelis. I due hanno a loro volta da affrontare una sfida a loro volta. Per Melandri (e Bautista naturalmente) c'è da sviluppare una motol nuova che è sempre una bella avventura, ma nel frattempo ci sono anche da riprendere gli automatismi con la MotoGP, cosa che Marco ha perso tre anni fa. Melandri ha girato più che ha potuto nei test, provando anche il nuovo motore con le valvole pneumatiche. Ma c'è tanto lavoro da fare il romagnolo con il suo collega spagnolo (Bautista), sarà di nuovo in pista prima del "ban period", a fine novembre sulla pista di Jerez de la Frontera, dove ci sarà anche la Ducati col velocissimo tester Michele Pirro. Anche per De Angelis c'è una nuova sfida. Portare la ART del Team Iodaracing nel mucchio, magari per lottare con i colleghi a ridosso della zona punti. Non si tratta di una sfida banale, perché il veterano sammarinese si trova tra le mani una moto che è stata vincente tra le CRT ma inespressa (a causa dei tanti problemi elettronici) nella Open. Per la squadra di Sacchi potrebbe (forse, chissà...) arrivare anche una delle Aprilia, sempre che due moto in pista non bastino a Romano Albesiano per sviluppare la moto del 2016, quella che dovrà lottare ad armi pari con Yamaha e Honda nel campionato che verrà con i suoi nuovi regolamenti tutti ancora da scrivere. Un solo giorno di test a Valencia, è servito a De Angelis per prendere le misure con la sua nuova moto. In confronto con la Forward Yamaha che ha guidato fino a fine stagione, il sammarinese ha apprezzato la ciclistica della ART, mentre di motore ne servirebbe di più, ma in questa area come abbiamo visto a Noale (già c'è un nuovo motore con valvole pneumatiche per gli ufficiali, ma si sta lavorando anche sul cambio seamless) stanno lavorando duro.

Moto - Infomotogp

Grandissimo Romano Fenati (KTM) nella gara della Moto3 ad Aragòn. Il pilota italiano che scattava dalla quinta fila dello schieramento della classe cadetta del mondiale con il 13° tempo è riuscito a risalire il gruppo degli inseguitori battagliando a lungo con il leader della corsa Alex Marquez (Honda), prendendosi la quarta vittoria della stagione. Fenati, infatti, era andato a segno a Rio Hondo, Jerez e Mugello . Lo spagnolo, che si è reso protagonista nelle battute iniziali della gara di un contatto ai danni di Jack Miller (KTM) che è costato una caduta all'australiano, verrà sentito dalla Direzione gara, insieme al collega, dopo la gara della MotoGP per chiarirne le dinamiche. Con Miller fuori dalla corsa e costretto a tornare ai box per riparare le sua KTM (ha poi terminato 27°e ultimo), Marquez credeva di essere solo al comando con solo Danny Kent (Husqvarna) da gestire. Invece, Romano Fenati è riuscito nell'impresa di riprendere il leader della corsa innescando con lui un confronto con il quale ha capito dove passare per vincere la corsa. "Ho fatto una buona gara, avevo un buon feeling con la mia moto - ha detto Fenati - è stata dura qui ad Aragon contro un pilota spagnolo, ma sono molto soddisfatto della mia gara". Bene in gara anche Enea Bastianini (KTM), che ha passato la bandiera a scacchi in sesta posizione, mentre Niccolò Antonelli (KTM) ha chiuso nono. Con il secondo posto di oggi, Alex Marquez è il nuovo leader della classifica iridata con 206 punti, mentre Miller è secondo con 195 punti. Fenati con la sua vittoria si avvicina ed è ora quarto a 165 punti alle spalle di Alex Rins, terzo.

Moto - Infomotogp

Questo blog non è ufficiale e non è associato in alcun modo con il sito ufficiale www.motogp.com e con Dorna SA. MotoGP, Moto2 e Moto3 sono marchi registrati da Dorna SA. This blog is unofficial and is not associated in any way with the official web site www.motogp.com and Dorna SA. MotoGP, Moto2 and Moto3 are registered trade marks of Dorna SA .


Questa opera è pubblicata nel rispetto delle licenze Creative Commons.

© 2018 Nanalab S.r.l.. Tutti i diritti riservati.

P.IVA 09996640018