MOTORI
CRT: Pasini "Mi sto stancando"
Scritto il 2012-09-06 da Luca Bologna su Infomotogp

"Mi sto stancando di tante cose e anche di fare di più del mio mestiere di pilota".

Mattia Pasini debutta così al telefono. Il pilota di Riccione è da mesi al centro di strane voci che lo vogliono giù dalla ART del Team SpeedMaster anche al prossimo Gp di San Marino.

"A me non è stato detto nulla - ha detto Mattia - io ho un contratto che vale fino alla fine della stagione e a Misano ci sarò. Poi se ci sarà la moto o ci sarà un altro nel box non lo so, nel caso vedremo. Ma il Team, ripeto, non mi ha comunicato niente".

Il riferimento all'altro pilota è a Federico Sandi che, si dice, debba prendere il posto di Pasini.

"Non credo che il team voglia dare la mia moto a un pilota che non ha mai vinto nulla e che non ha mai fatto grandi risultati. Ma tutto può succedere, quindi aspettiamo Misano".

Pasini è seriamente seccato con l'andazzo che si sta creando nel mondiale.

"C'è la crisi, è vero - dice Pasini - ma non è possibile che noi piloti, oltre a mettere e rischiare il sedere sulle moto ci dobbiamo anche sbattere per trovare i soldi per correre. Oltretutto poi non siamo nemmeno tutelati e in molti casi i contratti fatti non valgono molto. Oggi nel mondiale ci saranno forse 5 squadre che sono a posto, economicamente e non solo, gli altri vivacchiano".

Un quadro non certo esaltante, ma molto realistico, quello di Mattia.

"Non vale il merito - ha proseguito - in nessun caso. Oggi poi ci sono degli episodi che sono molto ben riconoscibili, come ad esempio l'arrivo di Smith al Team Tech3. Inspiegabile. In questo momento, dove dovrei sbattermi per cercare un'altra sistemazione almeno per il 2013, sto fermo. Se qualcuno crede in me, si faccia avanti, il mio curriculum parla chiaro, se sono in condizioni di essere competitivo, so stare anche davanti".

Alla fine ce l'ha fatta. Andrea Iannone, grazie all'ottimo lavoro di Carlo Pernat, suo manager, è riuscito ad ottenere quello che voleva: la livrea ufficiale. Come avevamo già scritto qualche giorno fa, Iannone sarà il terzo pilota ufficiale non solo per la moto, ma anche per la livrea che sarà del tutto identica a quella di Crutchlow e Dovizioso, ma sarà logisticamete gestito dal Team Pramac, come accade oggi. La  notizia arriva direttamente da Carlo Pernat, via Facebook: "Andrea Iannone ha raggiunto l'accordo con Ducati per due stagioni con la moto ufficiale della casa italiana. <sarà a tutti gli effette un pilota factory, le sua moto,il suo box e la sua tuta avranno gli stessi colori rossi dello sponsor principale e gli uomini tecnici saranno uomini Ducati. verrà anche gestito dagli ufficiali Davide Tardozzi e Paolo Ciabatti mentre il discorso tecnico sarà affrontato dallo stessi ingn.Dalligna. . La parte logistica sarà curata dal team Pramac che avrà a sua volta il pilota Hernandez con altri colori e con box separato". Per la cronaca non  ci sono ancora comunicazioni ufficiali da parte della Ducati.  

Moto - Infomotogp

Quello del Sachsenring è il miglior risultato per Andrea Iannone da quando corre in MotoGP. Il pilota di Vasto ha chiuso in quinta posizione davanti a tutte le altre Ducati ufficiali, dimostrando di meritarsi un ingaggio migliore per la prossima stagione. “Sono molto contento - ha detto Iannone - di aver ottenuto il mio miglior risultato in MotoGP. Al via della gara le condizioni della pista non erano buonissime perché quando siamo partiti la curva dodici era molto bagnata e con le slick era difficile affrontarla. Ho spinto il più possibile all’inizio per non allontanarmi troppo da Lorenzo e Valentino, questa strategia ci ha premesso di raggiungere quest’ottimo risultato. Sono contento della mia prima metà di stagione, potevo raccogliere qualche punto in più nelle gare dove sono scivolato ma rispetto all’anno scorso sono cresciuto molto.”

Moto - Infomotogp

Mentre in pista va in scena il warm uo della Moto2, con Jonas Folger in testa  in 1.47.866 e con Esteve Rabat (Kalex) secondo e Maverick Vinales (Kalex), terzo e il con migliore tra in piloti italiani Franco Morbidelli (Kalex), con il sesto tempo a 0,480s, mentre decimo ha chiuso Alex De Angelis (Suter), sulle carene di Rabat e Pasini comparivano messaggi incrociati. Ieri l'adesivo sulla coda della Kalex di Rabat con scritto in inglese: "Ciao #54, com'è il tiro?". Lo spagnolo non gradisce il fatto di essere seguito e lo ha scritto con ironia sul codino, riferendosi direttamente a Mattia Pasini, evidentemente in questo campo, il suo miglior cliente. Questa mattina sul cupolino dell'italiano, la risposta, sempre in inglese: "Ciao #53, niente male grazie!". Certamente i due non se le mandano a dire...

Moto - Infomotogp

INFOMOTOGP
MOTORI

Questo blog non è ufficiale e non è associato in alcun modo con il sito ufficiale www.motogp.com e con Dorna SA. MotoGP, Moto2 e Moto3 sono marchi registrati da Dorna SA. This blog is unofficial and is not associated in any way with the official web site www.motogp.com and Dorna SA. MotoGP, Moto2 and Moto3 are registered trade marks of Dorna SA .


Questa opera è pubblicata nel rispetto delle licenze Creative Commons.

© 2014 WeBoost MEDIA S.r.l.. Tutti i diritti riservati.

P.IVA 105 49 521 002