MOTORI
Pedrosa beccato, aveva comprato una patente nautica
Scritto il 2012-04-02 da Luca Bologna su Infomotogp

Lui ha la faccia da bravo ragazzo, uno di quelli da cui ti aspetti facciano sempre la cosa giusta, e invece, c'è ancora spazio per sorprendersi.

In effetti, guardando i siti spagnoli, sembrava un pesce d'aprile nel giorno sbagliato, invece è tutto vero, Dani Pedrosa è stato fermato e interrogato dalla Guardia Civil per aver comprato una patente nautica.

La vicenda, che è stata confermata da Livio Suppo, Responsabile Marketing del Team HRC per il quale corre in Motogp l'ex campione del mondo della 250, sembra risalga allo scprso 31 marzo, quando la polizia spagnola ha fermato e interrogato 21 persone coinvolte in un giro di patenti facili.

L'operazione è stata confermata anche da Paula Sánchez de León, delegata del Governo a Valencia, territorio nel quale si sarebbe svolta la truffa della quale avrebbe beneficiato anche il pilota catalano.

L'organizzazione criminale in questione, sgominata dall'operazione della Guardia Civil, chiedeva cifre dai 2000 ai 2500 euro per pilotare gli esami della patente o per non farli effettuare per nulla all'interessato, garantendo il risultato finale.

Dani Pedrosa, dopo essere stato interrogato, è stato rilasciato e molto probabilmente verrà multato per aver cercato di ottenere in maniera truffaldina una patente nautica. Livio Suppo della Honda ha annunciato a breve un comunicato del pilota nel quale si scuserà con i fan delle sue azioni.

Nonostante il fermo e l'interrogatorio da parte della Polizia spagnola, Pedrosa sarà in pista in Qatar per la prima gara della stagione 2012 senza problemi. Diversa è la situazione di immagine che si viene a creare dopo questa storia.

Pedrosa è da anni la bandiera della Repsol, il colosso petrolifero spagnolo che ha sempre blindato il suo posto nel team ufficiale della Honda nonostante, dopo tanto tempo, Dani non sia riuscito a vincere un mondiale nella classe regina.

Per voler chiacchierare e guardare un po' più avanti del nostro naso, si potrebbe ipotizzare che Pedrosa si sia definitivamente giocato le sue carte per restare in HRC, spalancando le porte a Marc Marquez, il cavallino che la stessa Repsol sta allevando con tanta cura.

Per ora constatiamo che anche con la faccia pulita, i piloti sono pure sempre uomini che hanno le loro debolezze e fanno i loro errori, questo è quello che dovrebbe imparare adesso Pedrosa, ricordandosi anche di tutte le volte che è salito in cattedra per bacchettare qualcuno (ogni riferimento a Marco Simoncelli è voluto).

Questo blog non è ufficiale e non è associato in alcun modo con il sito ufficiale www.motogp.com e con Dorna SA. MotoGP, Moto2 e Moto3 sono marchi registrati da Dorna SA. This blog is unofficial and is not associated in any way with the official web site www.motogp.com and Dorna SA. MotoGP, Moto2 and Moto3 are registered trade marks of Dorna SA .


Questa opera è pubblicata nel rispetto delle licenze Creative Commons.

© 2021 Nanalab S.r.l.. Tutti i diritti riservati.

P.IVA 09996640018